Per i 50 dallo sbarco sulla luna torna il Cenaforum

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

Amiche e Amici!
A GRANDE RICHIESTA TORNA IL MITICO CENAFORUM!!!! 

Dopo un paio anni di attesa, ecco quest’anno un gradito ritorno: il CENAFORUM, con tre importanti novità

Anzitutto l’anniversario. A
50 anni dal mitico allunaggio anche noi di I CARE vogliamo celebrarlo con ironia, senza però sminuire il fatto che, volenti o nolenti, ci ha cambiato la vita! Vi ricordate l’infinita telecronaca RAI di Tito Stagno? No? Allora venite al Cenaforum, perché vi riserveremo delle piccole sorprese…

Poi
data e orario: il Cenaforum slitta a fine agosto/primi di settembre per trovare un po’ di frescura in sala e

Proponiamo
due film poco visti (uno perché appena uscito, l’altro perché passato ingiustamente in sordina qualche anno fa..)

E poi in cucina, non saranno più protagoniste le cucine del mondo, ma potrete vedere all’opera due chef che vi stupiranno con le loro proposte stellate, anzi interstellari!

Per il resto tutto come nelle scorse edizioni, qualità e attenzione per i dettagli incluse!
Ingresso con tessera I CARE 2019 obbligatoria (la cena è infatti riservata esclusivamente ai soci). Chi invece vuole vedere solo il film può entrare senza tessera, pagando semplicemente il prezzo del biglietto (5 euro)
– Chi ha già la tessera I CARE, soci 2019, può pagare il prezzo del biglietto + prezzo della cena (15 euro).
– Chi non ha rinnovato la tessera I CARE 2019 (o la deve fare ex novo) può scaricare il modulo in allegato e restituircelo compilato con i suoi dati e pagare la sera stessa all’ingresso il contributo di 10 euro richiesto ai soci.

Vi aspettiamo!
Affrettatevi a prenotare i posti sono limitati!

 

L’obbedienza non è più una virtù e forse non lo è mai stata

pubblicato in: Bacheca, News dal mondo | 2
Migranti a bordo della Sea-Watch espongono striscioni che invitano ad aprire i porti (EPA)

Cheddire? Ancora, e di nuovo, e di sensato? Ogni giorno l’asticella viene abbassata ai livelli più infimi di sempre e ogni giorno ci si scandalizza (da una parte o dall’altra) con reazioni “di pancia” che inondano i social e invitano al linciaggio (da una parte e dall’altra). Lo scopo di questa strategia mediatica è semplice: l’importante è non riflettere, non innescare i pochi neuroni che ci restano per tentare di fare un ragionamento che non può essere di pancia, ma, in quanto tale, dev’essere di testa.

Mai come oggi è necessario e utile tornare ad ascoltare i profeti, come don Lorenzo. Ecco le sue parole così illuminanti, che non ci stancheremo mai di ripetere: “L’obbedienza non è più una virtù, ma la più subdola delle tentazioni (…), non posso dire ai miei ragazzi che l’unico modo d’amare la legge è d’obbedirla. Posso solo dir loro che essi dovranno tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservarle quando sono giuste (cioè quando sono la forza del debole). Quando invece vedranno che non sono giuste (cioè quando sanzionano il sopruso del forte) essi dovranno battersi perché siano cambiate (…) E quando è l’ora non c’è scuola più grande che pagare di persona un’obiezione di coscienza. Cioè violare la legge di cui si ha coscienza che è cattiva e accettare la pena che essa prevede”.

 

Carola Rackete, capitano della Sea-Watch. (EPA)

Leggendo queste parole non è difficile, per nessuno, capire dove sta il bene e dove sta il male, dove sta il giusto e dove sta lo sbagliato. La legge giusta difende il debole, la legge sbagliata difende il forte. Parole semplici e implacabili, come un dardo piantato nella roccia. Come quelle della vignetta di Altan, pubblicata oggi da “La Repubblica”: “I porti sono chiusi perché, se li aprissi, sarebbero aperti” recita il capitano verdevestito.

Ancora migranti. Ancora una nave. Ancora un ministro il solito (come la minestra, la solita). Ma stavolta c’è un altro attore. Anzi è un’attrice protagonista. Una donna. Lei sì vera, autentica capitana contro un capitano sbruffoncello e farlocco.

Il 25 aprile non si può dimenticare né tantomeno cancellare

pubblicato in: News dal mondo | 0
Il fermo immagine, tratto da un video pubblicato su Twitter, mostra alcuni ultras della Lazio che dopo aver esposto uno striscione con su scritto ‘Onore a Benito Mussolini’ fanno il “presente” e saluti romani, a poca distanza da piazzale Loreto a Milano, 24 aprile 2019.

 

Dedicato a tutti quelli che, come i beceri ignoranti qui sopra, vorrebbero cancellare dal calendario il 25 aprile, Festa della Liberazione dell’Italia dal nazifascismo, la più importante Festa civile italiana. Una data simbolo della Storia d’Italia, perché lì affondano le radici della nostra costituzione e della nostra democrazia. A loro dedichiamo e pubblichiamo l’articolo uscito oggi su “La Repubblica” a firma di Liliana Segre, ebrea sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti. Purtroppo, come si dice, mamma ignoranza è sempre incinta e i suoi figli appestano il nostro Paese e infettano il vivere civile con il morbo dell’intolleranza e del razzismo.

Per me il 25 aprile del 1945 non fu il giorno della Liberazione. Non poteva esserlo perché io quel giorno ero ancora prigioniera nel piccolo campo di Malchow, nel Nord della Germania. C’era un grande nervosismo da parte dei nostri aguzzini, ma non sapevamo nulla di quel che accadeva in Europa. A darci qualche notizia furono dei giovani francesi prigionieri di guerra mentre passavano davanti al filo spinato. « Non morite adesso! » , scongiurarono alla vista delle disgraziate ombre che eravamo. «Tenete duro. La guerra sta per finire. E i tedeschi stanno perdendo sui due fronti: quello occidentale con gli americani e quello orientale con i russi». Nelle ultime ore da prigioniere assistemmo alla storia che cambiava. Fuori dal lager ci costrinsero all’ennesima orribile marcia ma niente era uguale a prima. La mia personale festa di liberazione fu quando vidi il comandante del campo mettersi in abiti civili e buttare a terra la sua pistola. Era un uomo terribile, crudele, che a ogni occasione picchiava selvaggiamente le prigioniere. La vendetta mi parve a portata di mano, ma scelsi di non raccogliere quell’arma. All’improvviso realizzai che io non avrei mai potuto uccidere nessuno e questa era la grande differenza tra me e il mio carnefice. Fu in quel momento che mi sentii libera, finalmente in pace.

La gente in festa accoglie le truppe inglesi che entrano a Verona il 26 aprile del 1945

Il 25 aprile del 1945 fu quindi un’esplosione di gioia che mi sarebbe arrivata più tardi filtrata dai racconti di amici e famigliari. Avevo avuto bisogno di una tregua prima di tornare in Italia. E dovevo guarire da troppe ferite per riuscire a fare festa insieme agli altri. Ero stata ridotta a un numero, costretta a vivere in un mondo nemico e costantemente con il male altrui davanti a me, come diceva Primo Levi. Ci vollero anni perché riscoprissi il sentimento della felicità collettiva. Poi quel momento è arrivato. E il 25 aprile è diventata una festa famigliare, la festa della libertà ritrovata. Simboleggiava la caduta definitiva del nazifascismo e la liberazione. E rendeva omaggio al sacrificio di partigiani e militari, ai resistenti senz’armi, ai perseguitati politici e razziali. Era la festa del popolo italiano ma anche una festa celebrata in famiglia insieme a mio marito Alfredo, che era stato un internato militare in Germania per aver detto no alla Rsi. Avevamo patito entrambi la privazione della libertà e potevamo capire il significato profondo di quella data che poneva le fondamenta della democrazia e della carta costituzionale. Ogni 25 aprile sventolavamo idealmente la nostra bandiera. Non ho mai smesso di sventolare quella bandiera. E ancora oggi mi ostino a spiegare ai ragazzi perché è una festa fondamentale. Ma è sempre più difficile combattere con i vuoti di memoria. Solo se si studia la storia si comprende cosa è stato il depauperamento mentale di masse di italiani e tedeschi indottrinate dai totalitarismi fascista e nazista. Bisogna raccontare alle giovani generazioni cos’è stata la dittatura, soprattutto ora che il saluto romano non stupisce più nessuno. Mi chiedo se a una parte della politica non convenga questa diffusa ignoranza della storia. Chi ignora il passato è più facilmente plasmabile. E non oppone “ resistenza”. In anni non lontani, c’è stato anche chi ha proposto di abolire il 25 aprile dal calendario civile. Temo che prima o poi si arriverà a cancellarlo.

Lapide che ricorda l'eccidio di Monte Sole, meglio noto come strage di Marzabotto (29 settembre – 6 ottobre 1944): con più di 700 morti (tra cui intere famiglie e molti bambini), è uno dei più gravi crimini di guerra contro la popolazione civile perpetrati dalle forze armate tedesche in Europa occidentale durante la Seconda guerra mondiale.

Perché il tempo è crudele: livella i ricordi e confonde la memoria, mentre le persone muoiono e le generazioni passano. Qualche anno fa ci siamo illusi che intorno a questa data fosse stata raggiunta l’unanimità delle forze politiche. Oggi leggo con preoccupazione che alla festa della Liberazione si preferisca una cerimonia di altro genere. Se devo dire la verità, rimango esterrefatta. In tarda età assisto a degli atti che non avrei mai immaginato di vedere: soprattutto avendo vissuto cosa volesse dire essere vittime prima del 25 aprile, quando la democrazia non c’era, e dissidenti e minoranze venivano imprigionati, torturati e anche uccisi. Così come rimango tristemente stupita di fronte alla cancellazione della prova di storia alla maturità. La mancanza di memoria può portare a episodi come quello che ha coinvolto pochi giorni fa un istituto alberghiero di Venezia. Un insegnante su Facebook ha offeso la Costituzione con parole che preferisco non ripetere. E si è augurato che Liliana Segre finisca in «un simpatico termovalorizzatore». Questa non l’avevo ancora sentita: probabilmente il « simpatico termovalorizzatore » è la forma aggiornata del forno crematorio. Preferisco però concentrarmi sui moltissimi italiani che mi vogliono bene. E insieme ai quali festeggerò il 25 aprile, un rito laico che continua a emozionarmi. E a portarmi via con sé. Perché la libertà è una condizione assoluta, irrinunciabile. E non importa se qualche ministro resterà a casa. Sono sicura che domani saremo in tanti a provare la stessa emozione civile.

Buon 25 aprile a tutti.

Liliana Segre

NELLA FOTO LILIANA SEGRE (foto DUILIO PIAGGESI, MILANO)

Festeggiamo insieme la Festa della Liberazione il 24 aprile

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

Vi aspettiamo al cineteatro “S. Amanzio”, la sera mercoledì 24 aprile, alle 18, per festeggiare insieme la nostra più importante festa civile: il 25 aprile.

Tre capolavori della storia del cinema che ci aiuteranno a ricordare, conoscere e riflettere.

E per ricordare, a vent’anni dalla morte, il genio di Stanley Kubrick, con il suo film più lucidamente antimilitarista.

INGRESSO GRATUITO riservato ai soci I CARE, ANPI e circolo “Il Farina”

A Varese, “Abbasso la guerra” e cittadini per la pace

pubblicato in: Bacheca | 0

Varese 1 marzo – ore 20,45, sede ACLI

“Nel cuore della Costituzione. Dalla scuola di Barbiana al civic engagement lab per formare cittadini di pace e legalità”

Alle ore 20.45, presso la sede ACLI provinciale di via Speri Della Chiesa Jemoli n.9 si terrà l’incontro:

“Abbasso la guerra”

Poichè le guerre nascono nella mente degli uomini, è nella mente degli
uomini che devono essere costruite le difese della pace. Unesco

Saranno presenti:  Laura Tussi – Associazione PeaceLink, Fabrizio Cracolici – Presidente  ANPI sezione Emilio Bacio Capuzzo, Nova Milanerse,
Elio Pagani – Abbasso la guerra, e la partecipazione di Renato Franchi – musicista, musiche e note di impegno per la pace.

Le iniziative più interessanti della settimana

pubblicato in: Bacheca | 0

Sesto Calende, 1 marzo

Dopo il grande interesse dimostrato per la prima serata con film dedicata alla problematica delle carceri, l’Associazione Pace e Convivenza di Sesto Calende, con la collaborazione di GASsesto (gruppo acquisto solidale di Sesto Calende), propone una seconda serata di approfondimento affrontando il tema della riabilitazione nelle carceri, venerdì 1 marzo alle ore 20,45 presso la Fondazione Piatti, in Via Lombardia 14 (di fronte al campo sportivo)  a Sesto Calende.

Già nel 1764 lo scrittore illuminista Cesare Beccaria spiegava il concetto di riabilitazione nelle carceri. La nostra Costituzione chiede esplicitamente che le pene abbiano carattere rieducativo. Tuttavia sappiamo che questo aspetto fondamentale viene spesso disatteso. Ce lo dicono le statistiche: il 68% di ex-detenuti torna a delinquere.

Occorre allora offrire una speranza, come ci ha anche ricordato Papa Francesco nella celebrazione del Giubileo dei carcerati: la speranza di un futuro riabilitato possibile.

Ne parleremo con un ex detenuto che oggi collabora con i volontari dell’Associazione Carcerati e famiglie di Gallarate, portando anche nelle scuole il suo vissuto di carcerato.

Ascolteremo Giovanna Ferloni e Gisella Incerti, volontarie AUSER nei corsi scolastici al carcere di Varese, che ci racconteranno come l’istruzione sia uno dei percorsi privilegiati verso il recupero e la reintegrazione dopo il carcere.

Infine con Marco Girardello, vicepresidente della Cooperativa Freedhome che si occupa della commercializzazione di tante produzioni carcerarie sul territorio nazionale, cercheremo di capire perchè creare opportunità di lavoro all’interno di un carcere sia così importante.

Concluderemo infine la serata con assaggi di alcuni prodotti di Freedhome: dai biscotti prodotti a Novara, ai tarallucci della Puglia, al caffè e alle tisane prodotte nel carcere di Napoli.

 

Olgiate Olona, 1 Marzo

Alle ore 20:45, presso il cinema teatro Nuovo di Olgiate Olona, Area 101 vi propone una novità.

Sergio Chillè svolgerà una lettura drammaturgica della “Lettera ai Giudici” di don Lorenzo Milani per far fronte al Mabbul.  Ma che cos’è il Mabbul?

Ti aspettiamo per scoprirlo! INGRESSO 7€, per SOCI ARCI 5€ (presentando la tessera ARCI 2019)

————dalla Lettera ai giudici di don Milani————

“ … Non posso insegnare che l’unico modo d’amare la legge è d’obbedirla; ma che bisogna tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservarle quando sono giuste (cioè quando sono la forza del debole), e battersi perché siano cambiate quando non lo sono (cioè quando sanzionano il sopruso del forte), influendo con la parola e con l’esempio sugli altri, sino a pagare di persona un’obiezione di coscienza – cioè violare la legge di cui si ha coscienza che è cattiva, e accettare la pena che essa prevede…

Bisogna avere il coraggio di dirci che l’essere tutti sovrani fa si che ognuno debba sentirsi l’unico responsabile di tutto; per cui l’obbedienza non è ormai più una virtù, ma la più subdola delle tentazioni – di cui non ci si può fare scudo né davanti agli uomini, né davanti a Dio” .

 

Area 101 Cinema Teatro Nuovo Area101 Associazione di Promozione Sociale – Circolo Arci via Bellotti, 22 – 21057 Olgiate Olona (VA)

http://www.area101.it/

 

Cocquio Trevisago, 3 marzo

Dopo 171 anni, si festeggi ancora con tanta vitalità la libertà religiosa ottenuta dopo tante discriminazioni e persecuzioni. Oggi ci sembra scontata, eppure se pensiamo al riaffiorare dell’antisemitismo (in realtà mai assopito), alle difficoltà che incontrano le comunità islamiche ad avere permessi e concessioni, alle intimidazioni contro la Caritas, agli atti vandalici sempre più frequenti che riguardano proprio il mondo protestante (e qui a Varese ne sappiamo qualcosa), queste celebrazioni diventano una testimonianza importante e un invito a sottolineare come la dignità umana, si fondi anche sulla libertà di vivere serenamente la propria identità religiosa; qui da noi, come in tutto il mondo. Ma iniziamo a seminare amore e fratellanza dove siamo. 

Da Past. Magdalena Tiebel-Gerdes (CHIESA EVANGELICA LUTERANA COCQUIO TREVISAGO Loc. Caldana, via IV Novembre, 12)

Incontro (in due lingue:td. / ital)  per la  “giornata mondiale di preghiera” a Caldana, domenica 3 marzo ore 10.30 

 

Venerdì 8 febbraio a Varese col Sermig per la Pace

pubblicato in: Bacheca | 0

Venerdì 8 febbraio 2019, alle ore 20.45 presso l’auditorium San Giovanni Bosco della parrocchia Sant’Ambrogio – via Lazzaro Papi 6 – Varese , ci sarà la presentazione del prossimo appuntamento dei Giovani della Pace che si terrà a Bergamo l’11 maggio, dal titolo “Basta guerre. Facciamo la pace!”

 

Questo è il messaggio che Ernesto Olivero, fondatore del Sermig, ha inviato ai costruttori di Pace:

Cari amici,
poco dopo l’Appuntamento dei Giovani della Pace di Padova nel maggio 2017, un gruppo di giovani di Bonate (Bergamo),  che da tempo ci segue, ci ha convinti ad indire con un anno di anticipo un nuovo incontro.  Abbiamo seguito il loro cuore e l’11 maggio 2019 a Bergamo vivremo insieme il 6° Appuntamento dei Giovani della Pace.
Giovani che convocano altri giovani, giovani e adulti insieme per ritrovare la strada comune della pace, per ridare soprattutto fiducia ai giovani e ripartire da loro. Perché i giovani siano il futuro, bisogna aiutarli a riprendersi il presente perché il mondo degli adulti ha fallito.
Questa convocazione straordinaria dei Giovani della Pace nasce dalla preoccupazione per una violenza crescente in ogni parte del mondo. Sono state intaccate le relazioni tra singole persone, corpi sociali, istituzioni, equilibri internazionali. Ovunque sembra più forte la voglia di dominare, di prevaricare. Dittature, terrorismo e guerre sembrano sempre più minacciose, quasi inevitabili.

In tutto questo, tutti noi, giovani e adulti, siamo sempre più assuefatti, sempre più anestetizzati dalle dipendenze, sempre meno informati, sempre meno consapevoli di cosa sta avvenendo attorno a noi. Viviamo in un’epoca difficile, complicata, per certi aspetti senza speranza. Ma è il nostro tempo! Il tempo del coraggio da vivere e comunicare, da scegliere e da spendere. Il tempo di uomini e donne pronti a diventare protagonisti di una nuova storia che metta insieme libertà e verità, giustizia e pace. Solo donne e uomini coraggiosi possono trarre da un problema l’opportunità di un nuovo inizio. Solo donne e uomini coraggiosi possono dimostrare che è possibile accogliere. Solo questo coraggio fa credere ancora nella pace che oggi sento lontana.

E’ dunque il tempo di batterci perché ci sia pace!

La pace sarà vicina quando chi fugge dal proprio Paese non troverà ostilità.
Sarà vicina quando vecchi, bambini, persone fragili, malati
non saranno più visti come un problema.
Sarà vicina quando tutti avranno diritto una volta per tutte a cibo, casa, lavoro, cure, dignità.
Sarà vicina quando ogni giovane dirà sì a una vita pulita senza droga e dipendenze.
Sarà vicina quando ogni cittadino farà della propria onestà
la chiave per costruire il bene comune.
Sarà vicina quando i politici di ogni schieramento e i credenti di tutte le religioni
faranno di tutto per viverla.
Sarà vicina quando l’Europa si libererà dai nuovi egoismi e dalle nuove divisioni
e risceglierà il sogno di essere casa comune di pace, di valori e responsabilità.
Solo donne e uomini coraggiosi possono essere custodi di questa casa comune.


Ci ritroveremo tutti a Bergamo per dire forte basta guerra! Perché ci crediamo, perché ci vogliamo impegnare in prima persona, perché vogliamo diffondere una mentalità che contrasti la cattiveria e l’odio del tempo che viviamo!  Un mondo nuovo è possibile!
Io ci credo ancora. E mi batto perché sia pace. Crediamoci insieme e diamoci appuntamento a Bergamo, l’11 maggio,  per ripetercelo!

Vi voglio bene e vi aspetto.

Ernesto Olivero e la Fraternità del Sermig

 

Sul sito www.giovanipace.org potete trovare i dettagli dell’iniziativa. Potete scaricare la lettera di invito di Ernesto che trovate anche qui sotto e la locandina.

Aiutateci a diffondere la notizia

 

Appuntamenti importanti da segnare in agenda

pubblicato in: Bacheca | 0

Sabato 19 gennaio, preghiera a Tradate

 

Convegno a Varese sull’immigrazione

Sabato 26 gennaio. L’accoglienza e il sostegno ai richiedenti asilo e rifugiati: il contributo della clinica transculturale La cooperativa Crinali insieme a Ballafon propone a Varese un convegno per offrire spunti di aiuto alla relazione con gli immigrati alla luce dei principi di fondo della clinica transculturale. Per informazioni https://www.ballafon.it/convegno/

Ritornano gli incontri a tema nelle varie comunità organizzati da “Religions for Peace”

Come le scorse edizioni saremo accolti in diversi luoghi e l’ospite, oltre a fare una breve presentazione della sua comunità, introdurrà il tema della serata, sul quale ognuno potrà portare il proprio contributo. Quest’anno abbiamo scelto una parola guida: COSTRUIRE, con cui abbiamo abbinato cinque temi per cinque incontri.

30 gennaio, ore 20,45

COSTRUIRE LA SPIRITUALITÀ

Comunità Buddista Soka Gakkai, c/o sig. Smith viale Aguggiari,73 Varese

13 febbraio, ore 20,45

COSTRUIRE L’UOMO NUOVO

Comunità Baha’i c/o sig.ra Pedretti Carla via Rossini,3 Varese

13 marzo, ore 20,45

COSTRUIRE PONTI DI PACE

Comunità Musulmana c/o Centro Culturale Islamico via Pisacane, 9 Varese

10 aprile

COSTRUIRE LA COMUNITÀ

Luogo da definire

15 maggio, ore 20,45

COSTRUIRE IL DIALOGO

Comunità Evangelica Ecumenica via IV Novembre,12 Cocquio Trevisago, Loc. Caldana

 

Cristiani ipocriti, che pregano, ma vivono da atei

pubblicato in: News dal mondo | 0
Papa Francesco saluta un gruppo di migranti, dopo un’udienza in piazza San Pietro. ANSA/FABIO FRUSTACI

 

Cominciamo l’anno con l’ennesima lezione di vita (e di fede) di papa Francesco, che non ha paura di scagliarsi contro “i sepolcri imbiancati” per scuotere le coscienze e ripotarci alle radici della nostra fede. Fede che, senza le opere, non vale nulla.

«…e quante volte noi vediamo lo scandalo di quelle persone che vanno in chiesa e stanno lì tutta la giornata o vanno tutti i giorni e poi vivono odiando gli altri o parlando male della gente. Questo è uno scandalo! Meglio non andare in chiesa: vivi così, come fossi ateo. Ma se tu vai in chiesa, vivi come figlio, come fratello è una vera testimonianza, non una contro testimonianza…». Il Papa dice che se noi odiamo gli altri o sparliamo degli altri, anche se siamo cristiani, viviamo come se fossimo atei.

Continua il pontefice: “Gesù introduce l’insegnamento della preghiera del ‘Padre Nostro’, prendendo le distanze dagli ipocriti. C’è gente che è capace di tessere preghiere atee, senza Dio: lo fanno per essere ammirati dagli uomini. La preghiera cristiana, invece, non ha altro testimone credibile che la propria coscienza”.
“La propria coscienza”. Sembra don Milani. E’ papa Francesco (udienza generale del 2 gennaio scorso).
1 2 3 4 10