L’ex presidente dell’Uruguay Mujica: nella vita conta vivere in sobrietà e perseguire la pace

postato in: News dal mondo | 0
Universita Statale, presentazione del libro Una Pecora Nera al Potere, con Sepulveda, Petrini, Mujica (Luca Matarazzo, Milano - 2016-11-07) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate
Universita Statale, presentazione del libro Una Pecora Nera al Potere, con Sepulveda, Petrini, Mujica

 

“Il messaggio del Papa è importante anche per un non credente come me”

Aula magna strapiena e tutto esaurito domenica scorsa (6 novembre) in università Statale a Milano per l’incontro ‘A proposito della felicità’, dialogo a
tre tra l’ex presidente Uruguayano Jose ‘Pepe’ Mujica, lo scrittore Luis Sepulveda e il presidente di Slowfood Carlo Petrini. Una riflessione sulla felicità, e sulle vite e le esperienze dei partecipanti e la presentazione del libro ‘Un’idea di felicità’ scritto a quattro mani da Sepulveda e Petrini. Un’iniziativa accolta con calore da un pubblico entusiasta, che all’ingresso di Mujica ha intonato cori e canti e sventolato bandiere, e alla quale è presente tra il pubblico anche il sindaco Giuseppe Sala, che prima dell’inizio dell’evento ha incontrato i suoi protagonisti.

“Il messaggio del Papa è importante  anche per un non credente come me, che comunque rispetta profondamente tutte le religioni, il bisogno di trascendenza che proviene, in diverse forme, dall`essere umano, e che oggi viene anestetizzato o pervertito”. Lo afferma l`ex presidente dell`Uruguay, José “Pepe” Mujica, che ha partecipato ieri, dopo una lezione pubblica al teatro Palladium nel quartiere romano della Garbatella, all’incontro del Papa con i movimenti popolari. Francesco, afferma in un’intervista al manifesto Mujica, che conosce da tempo Jorge Mario Bergoglio, “parla della solidarietà in un mondo che vuole costruire muri e che dobbiamo ricominciare a praticare: abbiamo già avuto un Hitler e potremmo ritrovarci un Trump, e anche Clinton non è proprio una signora di sinistra”.

“Sono figlio di migranti, mia madre era italiana, ma ora questa Europa si dimentica da dove viene, pensa che si devono costruire i muri, respingere chi arriva alle frontiere”, afferma Mujica.

“La solidarietà non è un atto benefico, ma capire che se la fatica della donna africana in cerca di acqua, mi riguarda. Oggi, invece siamo prigionieri di una ragnatela che ti presenta le cose al contrario, ti rende dipendente dal possesso compulsivo di oggetti. Bisogna mettere dei limiti, vivere con sobrietà. Non
dico con austerità, perché la parola può far pensare all`austerità imposta dal capitalismo, dai piani di aggiustamento strutturali. Dico, però, che tante cose non ci servono, ci serve piuttosto recuperare tempo. La politica è insita nel nostro essere sociali, del vivere in società. E si deve scegliere: per passione, però, non per denaro. Se proprio uno ci tiene ad accumulare denaro, meglio che si dedichi al commercio, agli affari. Chi fa politica deve vivere come vive la maggioranza del popolo. Il Papa dice queste cose. Il suo è un messaggio politico.

Aiuta a interrogarci sulla globalizzazione, sulla necessità di un cambiamento strutturale, accoglie le ragioni di un`umanità dissidente non inclusa che vuole contare nelle decisioni. Usa la mistica e le risorse della Chiesa per diffondere un messaggio universale contro le disuguaglianze, la guerra. Il marxismo, certo. Non posso però dimenticare quel che mi disse una volta un compagno, tornando dai paesi dell`est: hanno lo sguardo spento”.

http://www.repubblica.it/esteri/2016/11/06/news/pepe_mujica_uruguay-151459188/?ref=HREC1-14

5° marcia interreligiosa per la Pace

postato in: Bacheca | 0

LE RELIGIONI SUL CAMMINO DELLA MISERICORDIA

Varese, 2 ottobre 2016

Quest’anno la marcia è ritornata al Sacro Monte di Varese affiancandosi ad un’iniziativa partita da mons. Erminio Villa in occasione dell’anno giubilare dedicato alla misericordia. Molte associazioni hanno aderito e fra esse anche I Care ha continuato a sostenere e ad aiutare il gruppo interreligioso nella realizzazione. Si è registrata una partecipazione di oltre 300 persone, fra loro un folto gruppo di rifugiati che hanno animato il cammino con l’ausilio di alcuni attori e di un coro della Costa d’Avorio. Giunti alla balconata si sono ascoltati gli interventi dei rappresentanti delle diverse religioni. Da sottolineare l’eccezionalità della testimonianza cristiana: un testo unico concordato da battisti, cattolici, luterani, metodisti ed ortodossi rumeni, un testo unico fatto a una sola voce. Da segnalare la presenza di Bruno Segre, voce ebraica, che ha portato l’esperienza del villaggio di Nevé Shalom/Wahat al-Salam, dove vivono insieme famiglie ebree e arabo-palestinesi. Gli altri contributi sono stati ad opera della comunità Baha’i, di quella buddista e di quella musulmana.

“…Abbagliati dal materialismo e illusi dalla tecnologia, non cadiamo nell’arroganza e nel cinismo, nell’abitudinarietà e nell’indifferenza, che anestetizzano l’animo e ci rendono ciechi di fronte alle ferite dei nostri fratelli e delle nostre sorelle. La misericordia… diventi impegno personale e comunitario, affinché sviluppi in noi la capacità di aver cura uno dell’altro, sperimentando l’amore che è fondamento di vera giustizia. Le nostre mani si stringano unite in una relazione gioiosa, percorrendo con coraggio la via maestra dell’unità della famiglia umana, superando i pregiudizi e perdonando le nostre debolezze…”

http://www.varesenews.it/photogallery/la-marcia-della-pace/2/

http://www.varesenews.it/video/in-marcia-per-la-pace/

20161002_161228_resized 20161002_161731 20161002_161808_resized 20161002_161916_resized 20161002_165834_resized 20161002_165840_resized

2-3 settembre – Magre Sponde festival a Brebbia

postato in: Bacheca | 0

manifesto 2016-A4

Ritorna con l’arrivo di settembre Magre Sponde Festival (2 e 3 settembre 2016 a Brebbia presso il Parco Terzoli di via Manzoni). Il festival che racconta e raccoglie la sponda magra del lago Maggiore in un’esplosione di suoni, arte e visioni. Per la terza volta, il festival presenta un programma che spazia dalla musica, all’arte figurativa, al fumetto e alla letteratura. La proposta è un connubio raro fra divertimento e momenti riflessivi, di relax ma anche di crescita per i partecipanti.
L’apertura ufficiale (ore 18.30) sarà un incontro con Corrado Roi. Il celebre illustratore si racconterà di fronte al pubblico e parlerà del suo personalissimo Dylan Dog e del suo nuovo progetto UT (Sergio Bonelli Editore).
Dal palco principale suoneranno Zeus, il duo formato da Luca Cavina al basso elettrico e voce (Calibro 35, Craxi, Incident on South Street) e Paolo Mongardi alla batteria (Fuzz Orchestra, Le Luci Della Centrale Elettrica, FulKanelli, ex Jennifer Gentle e Ronin). La band è reduce dal tour che li ha visti calcare i palchi di tantissime città italiane ed europee.
In apertura proposte più local del calibro di Slowtide (sonorità trip pop) e Bluesqueeze (bluestoner desertico). La serata si chiuderà con un aftershow dalle sonorità hip hop con Gelo e Stainz Music.

Il sabato invece ad aprire la serata l’incontro con Francesco Muzzopappa: lo scrittore di “Affarti di Famiglia” si racconta. Presenterà Barbara Bottazzi (Amanti dei Libri).
A seguire dal palco principale la balcan sexy night dei Babbutzi Orkestar, formazione di riferimento della musica balcanica made in Italy, e i Feat. Esserelà, la band bolognese che più di tutte ha conquistato il cuore di Varese vincendo il premio della giuria popolare alla scorsa edizione dello storico concorso varesino VA sul Palco.
Durante i due giorni di festival non mancheranno spazi dedicati alla live art e sarà presente una mostra curata da Lara Ferro e chiamata “Dal piano immaginario” in cui, attraverso lavori provenienti dell’Accademia di Brera, lo spettatore sarà guidato in un percorso magico attraverso la storia della scenografia teatrale.

Per entrambe le sere di venerdì 2 e sabato 3 settembre l’ingresso sarà gratuito.

Per info: Francesco Porrini; mail: fr.porrini@gmail.com; cell 3403586902

Arriva il CENAforum, occhio al gusto!

postato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

Layout 1

Amiche e Amici, ci sono ancora posti per il CENAforum… Non tentennate… iscrivetevi subito (al 331-2072100)!!! Quest’anno la proposta è ancora più ricca e succulenta del solito!

Venerdì 1 luglio – LUNCH BOX (cena INDIANA)

Venerdì 8 luglio – BATAD (cena Filippina)

Venerdì 15 luglio – IL PROFUMO DELLA PAPAYA VERDE (cena vietnamita).

Negli anni passati abbiamo già “assaggiato” continenti come l’Europa, l’America Latina, il Medio Oriente e l’Africa. Quest’anno con l’ASIA abbiamo in serbo molte sorprese gastronomiche che non vogliamo anticiparvi per non rovinare l’effetto sorpresa. L’obiettivo, come sempre, è quello di conoscere e assaporare cultura e cibi “diversi”, ma che, spogliandoci dai nostri pregiudizi e in un giusto clima conviviale, possiamo apprezzare e magari anche “amare”. Solo l’incontro fraterno con le altre culture può dissipare le nostre paure e aiutarci a entrare in sintonia con esse. Un percorso empatico che ha come veicoli il cinema e il cibo: due tra i piaceri a noi più cari. Se, come diceva qualcuno, “l’uomo è ciò che mangia”, potremmo anche aggiungere che è anche ciò che vede. L’importante è mangiare bene e guardare belle immagini! La scelta dell’Asia non si esaurisce qui, ci saranno sicuramente altre occasioni per approfondire un continente così vasto. L’India stessa si può considerare un “continente” nel continente. Anche come produzione cinematografica è addirittura superiore a Hollywood tanto da meritarsi l’appellativo di Bollywood. In ogni caso il nostro approccio non sarà affatto stereotipato, ma, come al solito, cercheremo di mostrare il volto più autentico del Paese. A partire proprio dal primo film Lunch Box, commedia lieve, ma tutt’altro che banale.

L’ingresso è con tessera dell’associazione (che si può fare al momento sul posto) più il prezzo del biglietto (film + cena a soli 13 euro). Obbligatoria la prenotazione al 331-2072100.

Il guadagno delle serate servirà per acquistare una lavagna multimediale per le scuole medie di Travedona Monate.

 

Iuventa, la nave che salverà i migranti

postato in: News dal mondo | 0

E' stato recuperato il relitto del peschereccio inabissatosi il 18 aprile 2015, nel naufragio in cui morirono circa 700 migranti, considerata la più grande tragedia nel Mediterraneo fra i viaggi della speranza, a largo della costa della Libia. ANSA/MARINA MILITARE +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

In un’Europa che perde pezzi e costruisce nuove barriere, la differenza la fanno storie come questa. Storie di giovani uniti da ideali di altruismo e solidarietà. Sono i ragazzi di “Jugend Rettet” (Gioventù salva), organizzazione nata per volontà di nove berlinesi, tra i 20 e i 29 anni, con l’obiettivo di salvare le vite dei migranti che attraversano il Mediterraneo. Un anno fa, hanno avviato un progetto ambizioso: comprare una nave per poter partecipare attivamente al soccorso in mare. Grazie all’aiuto dei volontari e ad una raccolta fondi che ha superato i 100mila euro, sono riusciti a trasformare un vecchio peschereccio olandese in una nave da salvataggio. Il 30 giugno Iuventa lascerà il porto tedesco di Emden diretta verso quello maltese di La Valletta, pronta per partecipare alla prima missione a fine luglio.

http://video.repubblica.it/mondo/iuventa-la-nave-che-salvera-i-migranti-l-idea-di-un-gruppo-di-ventenni/244844/244912?ref=HRESS-4

Ricordare “bene” la strage di Capaci

postato in: News dal mondo | 0
23 maggio 2016

Accanto a manifestazioni intense, ad adesioni sincere e riflessioni profonde, come di consueto oggi saremo inondati anche da tanta retorica, parole scontate e – come si dice – di circostanza. La maniera migliore per celebrare questo ventiquattresimo anniversario della strage di Capaci è nella pratica quotidiana, nell’antimafia del giorno per giorno, nelle scelte personali e comunitarie che danno corpo agli ideali che furono di Giovanni Falcone e di Francesca Morvillo, Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo, Vito Schifani. Come hanno fatto alcuni alunni delle scuole di Argenta e Portomaggiore (Ferrara) che qualche giorno fa, accompagnati dai loro insegnanti, si sono recati a Reggio Emilia per assistere ad un’udienza del processo Aemilia. Familiari e legali degli imputati hanno cominciato con battute pesanti al loro indirizzo e poi hanno chiesto al presidente del collegio Francesco Maria Caruso di allontanarli dall’aula in quanto minorenni. Dopo camera di consiglio e ascoltata un’insegnante, il giudice ha deciso di derogare all’articolo del codice che non consente ai minori la partecipazione alle udienze. Si tratta di un “fondamentale ausilio alla formazione dei giovani alla legalità” ha concluso Caruso. E dentro di noi abbiamo ascoltato l’eco delle parole di Nino Caponetto che diceva che la mafia ha più paura della scuola che della giustizia.

Tonio Dell’Olio

Pubblicato il 23 http://www.noisiamochiesa.org/per-ricordare-bene-la-strage-di-capaci/maggio 2016 da admin

Capaci

Capaci_672-458_resize

strage-capaci

Acqua pubblica, tradimento di Stato

postato in: News dal mondo | 0

romaacqua-pubblica-alex-zanotelli

di Alex Zanotelli

Quello che è avvenuto il 21 aprile alla Camera dei Deputati è un insulto alla democrazia. Quel giorno i rappresentanti del popolo italiano hanno rinnegato quello che 26 milioni di italiani avevano deciso nel Referendum del 12-13 giugno 2011 e cioè che l’acqua deve uscire dal mercato e che non si può fare profitto su questo bene. I Deputati invece hanno deciso che il servizio idrico deve rientrare nel mercato, dato che è un bene di “interesse economico”, da cui ricavarne profitto. Il testo approvato alla Camera obbliga i Comuni a consegnare l’acqua ai privati. Tutto questo è di una gravità estrema, non solo perché si fa beffe della democrazia, ma soprattutto perché è un attentato alla vita. E’ infatti Papa Francesco che parla dell’acqua come “diritto alla Vita “ (un termine usato in campo cattolico per l’aborto e l’eutanasia). L’acqua è Vita, è la Madre di tutta la Vita sul pianeta. Privatizzarla equivale a vendere la propria madre! Ed è una bestemmia!Per cui mi appello a tutti in Italia, credenti e non, ma soprattutto alle comunità cristiane perché ci mobilitiamo facendo pressione sul Senato dove ora la legge sull’acqua è passata perché lo sgorbio fatto dai deputati venga modificato.

Inoltro il mio appello:

Al Presidente della Repubblica, perché ricordi ufficialmente al Parlamento di rispettare il Referendum;

Alla Corte Costituzionale, perché intervenga a far rispettare il voto del popolo italiano;

Alla Conferenza Episcopale Italiana (CEI), perché si pronunci, sulla scia dell’enciclica Laudato Sì, sulla gestione pubblica dell’acqua;

Ai parroci e ai sacerdoti, perché nelle omelie e nelle catechesi, sensibilizzino i fedeli sull’acqua come “diritto essenziale, fondamentale, universale” (Papa Francesco)

Ai Comuni e alle città, perché ritrovino la volontà politica di ripubblicizzare i servizi idrici come Napoli (Penso a città come Trento, Messina, Palermo, Reggio Emilia..).

Il problema della gestione dell’acqua è oggi fondamentale: è una questione di vita o di morte per noi, ma soprattutto per gli impoveriti del pianeta, per i quali, grazie al surriscaldamento del pianeta, l’acqua sarà sempre più scarsa. Se permetteremo alle multinazionali di mettere le mani sull’acqua, avremo milioni e milioni di morti di sete. Per questo la gestione dell’acqua deve essere pubblica, fuori dal mercato e senza profitto, come sta avvenendo a Napoli, unica grande città italiana ad aver obbedito al Referendum.

Diamoci tutti da fare perché vinca la Madre, perché vinca la Vita: l’Acqua.

Napoli, 25 aprile 2016

Acqua pubblica, tradimento di Stato

TACALASPINA 2016 un appuntamento imperdibile

postato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

Amiche e Amici, questa data non dovete segnarvela in agenda… Non serve…. E’ un po’ come la data del proprio compleanno o quella della prima sera in cui siete usciti con lei o con lui….

promo-Tacalaspina-4

emozioni indimenticabili…

TACALASPINA 2016… impossibile NON esserci !!! Spettacolo a orario continuato dalle 17 alle 24

volantinoCARTINA-OK:Layout 1.qxd

volantinoCARTINA-OK:Layout 1.qxd

Quest’anno sono a disposizione 2 ampi parcheggi gratuiti (uno con servizio navetta gratuito) per maggiori informazioni visita la nostra pagina facebook e scarica la app!

https://it-it.facebook.com/Tacalaspina-188109421337056/

 

Giù il cappello a Pietro Pinna,il primo obiettore di coscienza italiano

postato in: News dal mondo | 0

pietro_pinna

Il nome di Pietro Pinna non dirà molto alla maggior parte degli italiani. Al massimo, per qualcuno di noi, è un eroe d’altri tempi. Ma almeno oggi dobbiamo ricordarlo. Perché la sua lotta non violenta ha portato frutti di cui beneficiamo ancora oggi. Pietro Pinna è morto l’altro ieri (13 aprile) a Firenze (guarda un po’, i giusti vanno a finire sempre lì…). Aveva 89 anni ed è stato il primo obiettore di coscienza al servizio militare per motivi politici in Italia. Doveva partire per la naja nel 1948, ma si rifiutò. Finì sotto processo nel 1949 e il Tribunale militare di Torino lo condannò per il reato di disobbedienza.

Nel frattempo, in Parlamento comparivano le prime proposte affinché per gli obiettori fosse riconosciuta la possibilità di essere destinati a “servizi dove non si uccide, ma si può essere uccisi”.  Più tardi, con Aldo Capitini, fu tra i fondatori del Movimento Nonviolento e organizzò la prima Marcia per la pace Perugia-Assisi, 1961. E’ una storia antica, quasi preistorica, per l’Italia in cui il servizio militare obbligatorio non esiste più, esiste un servizio civile nazionale volontario che pochi conoscono. E? soprattutto oggi, con un mondo sull’orlo della Terza guerra mondiale, che bisogna ricordarsi della “guerra di Piero”: contro l’esercito e tutti i “master of war” che infestano il pianeta

Letture consigliate

http://www.repubblica.it/politica/2016/04/14/news/e_morto_pietro_pinna_primo_obiettore_di_coscienza_italiano-137641957/?ref=search

http://nonviolenti.org/cms/

1 2 3