Serata su Papa Francesco al cinema “S. Amanzio” di Travedona

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

Amiche e Amici, venerdì sera, 19 ottobre, alle 20,30 al cinema “S. Amanzio” c’è un appuntamento molto importante. E’ una serata dedicata interamente a Papa Francesco con la presentazione del libro FAKE POPE di Roberto Beretta e Nello Scavo (sarà presente Roberto Beretta, uno degli autori del volume) e a seguire la proiezione del film PAPA FRANCESCO, UN UOMO DI PAROLA di Wim Wenders, uno dei registi contemporanei più celebrati. E’ un’occasione imperdibile per capire a fondo le ragioni del successo di un Papa che sta “rivoluzionando” la Chiesa cattolica. Non solo, ma anche per comprendere le pesanti accuse che gli oppositori di Bergoglio rivolgono a un Papa tanto “scomodo”.

FAKE POPE, LE FALSE NOTIZIE SU PAPA FRANCESCO

Bergoglio è il pontefice più calunniato della storia? E – se è così – per quale motivo? C’è un “complotto dietro le accuse che gli vengono scagliate contro, oppure si tratta solo della reazione di chi non sopporta un papa così innovativo? Di bugie sulla figura di papa Francesco ne girano parecchie, suscitano reazioni, ma nessuno finora le ha catalogate e investigate in modo da tracciarne un filo logico, e magari tentare di smascherare i mandanti (tra cui multinazionali, banche, guerrafondai e sacri palazzi) della “macchina del fango”. Gli autori hanno raccolto 80 delle principali accuse al Papa, in chiave di controinchiesta punto per punto: i rapporti con le dittature dell’America latina, la massoneria, il Conclave manipolato, le accuse di “eresia”, le nomine sbagliate, i rapporti con la Curia, la mediaticità, gli scandali e anche le gaffes… Senza dimenticare che le fake news sul Papa riportano al centro il tema della verità, tanto caro al cristianesimo: se la notizia è il “verbo” contemporaneo, la falsa notizia è la voce del “diavolo”. E distinguere menzogna e verità è compito di chi ancora vede nel giornalismo una missione.

PAPA FRANCESCO, UN UOMO DI PAROLA

Il lavoro di Wenders vuole essere un percorso personale con Papa Francesco e non un documentario biografico. Le idee del pontefice e il suo messaggio sono centrali grazie al materiale di archivio ma soprattutto a quattro lunghe interviste condotte nell’arco di due anni. Avvicinato dal Vaticano già nel 2013, Wim Wenders dichiara di avere avuto una completa libertà nell’elaborazione del progetto, ivi compresa quella del montaggio finale e dell’accesso all’archivio foto e video del Vaticano. Tutto ciò gli ha consentito di operare così come solo i veri Maestri sanno fare: tenendosi un passo indietro. Molti, vedendo questo documentario, potranno porsi una domanda legittima: dov’è la mano di Wenders in tutto ciò? La risposta sta nell’avere consentito alla figura di Francesco e soprattutto al suo pensiero di emergere con una semplicità che si rivela come saggezza nel leggere la contemporaneità alla luce dell’autenticità del Vangelo. Non a caso Wenders apre con le immagini di Assisi e ritorna in più occasioni sulla vita di quel rivoluzionario (parola che non bisogna temere, dice Bergoglio) di cui questo 266esimo pontefice ha assunto per la prima volta il nome. Papa Francesco, nei colloqui e nel materiale di repertorio, affronta un’ampia gamma di temi senza mai sottrarsi e facendo della chiarezza delle posizioni assunte nelle varie materie, un punto di forza. Che però non si traduce mai in chiusura o in rifiuto del dialogo. Wenders ci conferma ogni volta che la fede (come affermava un altro importante sacerdote, David Maria Turoldo) non la si propaganda ma la si vive e se la si vive si propaganda da sé.

DISarmiamoci, la carovana della Nonviolenza fa tappa domani sera a Besozzo

pubblicato in: Bacheca | 0

Siamo lieti di invitarVi alla serata disArMIAMOCI, organizzata dall’Amministrazione comunale di Besozzo in collaborazione con l’associazione Pax Christi di Tradate.

Al Teatro Duse giovedì 4 ottobre sarà ospite una tappa della Carovana nazionale della Nonviolenza, con una delegazione da Whashington formata dallo studente Zion Kelly, che ha avuto il fratello gemello ucciso da un colpo di fucile nel tragitto da scuola a casa, testimone alla manifestazione March for our lives, accompagnato da un’insegnante. Una testimonianza diretta da una giovane voce, per conoscere e parlare del tema della non violenza, contro la diffusione delle armi.

Per informazioni e prenotazioni Silvia Sartorio (Assessore alla cultura del Comune di Besozzo) 3357316031

 

Domenica 14 ottobre la tradizionale marcia per la Pace ai Giardini Estensi di Varese

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

Amiche e Amici,

anche quest’anno, cogliendo l’invito di “Religions for Peace”, “I care” sostiene la marcia della Pace. Faremo una bella camminata insieme per le vie di Varese e condivideremo nella magica atmosfera dei Giardini Estensi dei momenti di preghiera e riflessione fra sette fedi religiose: Baha’i, Buddisti, Cristiani, Ebrei, Induisti, Musulmani e Sikh.

Vi aspettiamo dalle 14.00 ai Giardini di Varese (ingresso Comune) pronti per partire verso le 14.45 per le vie del centro e ritornare ai Giardini intorno le 15,30 dove le varie tradizioni religiose faranno dei brevi interventi sul tema della marcia: “Per una cultura del dialogo”. A seguire un piccolo momento artistico e la possibilità di dialogare con i vari rappresentanti.

 

Di seguito il comunicato che spiega il tema di quest’anno della marcia

 

 

 

 

 

 

L’obbedienza non è più una virtù e, forse, non avrebbe mai dovuto esserlo

pubblicato in: Bacheca, News dal mondo | 0
Il sindaco di Riace Domenico “Mimmo” Lucano, in una foto di archivio. ANSA/CESARE ABBATE

 

Avere il coraggio di dire ai giovani che essi sono tutti sovrani, per cui l’obbedienza non è ormai più una virtù, ma la più subdola delle tentazioni, che non credano di potersene far scudo né davanti agli uomini né davanti a Dio, che bisogna che si sentano ognuno l’unico responsabile di tutto.

(da “Lettera ai giudici”, don Lorenzo Milani)

Mai come oggi ci paiono così attuali e brucianti le parole profetiche di don Lorenzo riguardo all’obbedienza, il miglior modo secondo lui (e secondo noi) per non assumersi le proprie responsabilità e nascondere le proprie colpe dietro l’alibi del rispetto della legge (quando è ingiusta). E se una legge è giusta o ingiusta è la nostra coscienza a dircelo, a guidare il nostro discernimento. Il (vero) problema di oggi è avercela una coscienza.

Ma pensiamo anche che il modo migliore per capire la vicenda del sindaco di Riace Domenico “Mimmo” Lucano sia quello di leggere il bellissimo articolo di Roberto Saviano pubblicato oggi (3 ottobre) su “La Repubblica” ed evitare di sprecare le nostre parole che traboccano di indignazione per un’azione giusta secondo la legge, ma tremendamente ingiusta dal punto di vista della carità.

https://www.repubblica.it/cronaca/2018/10/02/news/il_caso_del_sindaco_di_riace_peccato_di_umanita_-207987955/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P7-S1.8-T1

Riace, un esempio di accoglienza in Italia

Qui di seguito alcune immagini che illustrano la solidarietà di molti cittadini al sindaco di Riace e un grafico Ansa con alcuni dati sul paese calabrese.

Foto Vincenzo Livieri – LaPresse
02-10-2018 – Roma
Cronaca
Esquilino. Manifestazione in solidarietà del sindaco di Riace Domenico Lucano, arrestato per favoreggiamnto dell’immigrazione clandestina

 

Foto Vincenzo Livieri – LaPresse
02-10-2018 – Roma
Cronaca
Esquilino. Manifestazione in solidarietà del sindaco di Riace Domenico Lucano, arrestato per favoreggiamnto dell’immigrazione clandestina

 

Il sindaco di Riace Domenico Lucano in una foto di archivio. ANSA / IGOR PETYX

 

Scheda sul comune di Riace
ANSA/CENTIMETRI

Don Milani, profeta con i piedi per terra

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

Domenica 15 aprile presso il cineteatro “S. Amanzio” di Travedona, a partire dalle ore 15 si terrà un pomeriggio dedicato a don Lorenzo Milani, “un profeta con i piedi per terra”. Il programma è particolarmente ricco: l’incontro si aprirà con un saluto di mons. Agnesi, a cui seguirà un momento di testimonianza, riflessione e dibattito con Agostino Burberi, già allievo di don Milani a Barbiana, Marco Vergottini, teologo, don Alessandro Andreini della comunità di S. Leolino, Paolo Cesari, delle edizioni Orecchio Acerbo (che hanno recentemente pubblicato un bellissimo fumetto sul priore di Barbiana) Alberto D’Incà, professore di Patrologia, e Giovanni Chinosi dell’associazione “Cittadini del Mondo”.

Mostra

In sala sarà esposta la mostra con le tavole del fumetto “Il maestro” magistralmente illustrate da Simone Massi. La mostra, a partire da lunedì, sarà allestita nell’atrio delle scuole medie di Travedona Monate, a diretto contatto con i ragazzi.

Teatro

Sarà presentato in anteprima alle 17,30 anche lo spettacolo “Lettera a una professoressa” monologo drammatico di e con Nicola Tosi. Una messa in scena particolare impreziosita dalle musiche di Valentin Mufila. Il progetto è stato finanziato dall’associazione I care” e dalla Fondazione Comunitaria del Varesotto. Ingresso gratuito.

Cinema

Sempre alla sala della comunità “S. Amanzio”, giovedì 19 alle 21, proiezione di “Barbiana ’65, la lezione di don Milani” di Alessandro G. A. D’Alessandro, il film documentario più ricco sull’esperienza della scuola di Barbiana. Ingresso: 5 e 3 euro.

 

Film + concerto + aperitivo = Ciak si suona!

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

In attesa di TACALASPINA music street festival, che si terrà a Besozzo sabato 9 giugno, abbiamo pensato in questa fresca primavera di scaldare i motori con un’iniziativa che, ci auguriamo, sarà di vostro gradimento.

Si tratta di “CIAK, SI SUONA” una formula inedita che vuole coniugare insieme cinema, musica (live) e cibo. Cinema e cibo sono stati il “piatto” forte del CENAforum, una nostra invenzione che ha trovato fortuna tra il pubblico e imitatori anche in altri contesti.

Ora il gioco si fa ancora più difficile. Si tratta di miscelare tre ingredienti che, da spettatori, siamo solitamente abituati a fruire in contesti separati tra loro. Noi di I CARE vogliamo invece mixarli in maniera accattivante per creare qualcosa di nuovo che ci spinge a uscire di casa e a vivere la domenica pomeriggio in maniera originale e divertente.

Sono tre le domeniche (8 e 22 aprile e 6 maggio) in cui al cnema “S. Amanzio”, alle 16,30, verrà proiettato un cinecult musicale a cui faranno seguito una performance musicale dal vivo e un succulento aperitivo, entrambi “in tema” col film. Il tutto a un prezzo contenuto (10 euro per film + concerto; aperitivo a seconda della consumazione). L’ingresso è riservato ai soci I CARE ed è quindi obbligatoria la tessera 2018 (10 euro).

Ecco il programma:

8 aprile – WHIPLASH (2014) del regista premio Damien Chazelle, premio Oscar per “La la land”. Una storia inquietante in cui il protagonista, un giovane batterista jazz, viene ossessionato dal suo insegnante, un diabolico J. K. Simmons che sembra uscito direttamente da “Full metal jacket”. A seguire concerto jazz del quartetto del batterista Marco Mengoni. Menu ispirato a New Orleans, la città culla del jazz.

22 aprile – AMERICAN GRAFFITI (1973) di George Lucas (regista ricordato spesso, a torto, solo per “Star wars”) offre invece un ritratto malinconico e affettuoso dei primi Anni Sessanta, l’epoca d’ora del rock’n’roll. Proprio il rockabilly sarà protagonista del live set dei “The Goose Bumps”, formazione frizzante e coinvolgente, che vi farà scatenare sull’onda di intramontabili evergreen. Cosa gustare se non il più classico dei menu a stelle e strisce? hamburger e…

6 maggio – THE BLUES BROTHERS (1980). Qui siamo di fronte al mito per eccellenza dei film musicali. Il capolavoro demenziale di John Landis con John Belushi e Dan Aykroyd, i due fratelli che hanno cambiato per sempre il nostro immaginario cinematografico e lanciato il blues e il soul verso successi impensabili. Il misterioso “One horse band” ci rapirà con il suo blues sbilenco e ruspante. Per indovinare il menu vi basterà ricordare cosa ordinano i fratelli Blues ad Aretha Franklin…

Obbligatoria la prenotazione al 331-2072100

Tacalaspina “trasloca” a Besozzo. Il “perché” lo avevamo già spiegato (bene) l’anno scorso

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

In questi giorni è uscito un comunicato del Comune di Travedona Monate (pubblicato poi dal quotidiano “La Prealpina” in data 20 febbraio) che è a dir poco lacunoso e fuorviante nel raccontare i fatti riguardo a ‘Tacalaspina’. L’unica affermazione corretta è: “la decisione di spostare la festa in altro paese è stata presa esclusivamente dall’associazione ‘I care’”. Così è, infatti.

Ma la domanda a cui bisognerebbe rispondere, e che sta a cuore a tutti, è questa: “Perché ‘Tacalaspina’ trasloca a Besozzo?”.

I rapporti si erano guastati l’anno scorso con le accuse del Comune di Travedona Monate ad “I care”

La risposta all’amministrazione l’avevamo già data l’anno scorso quando (dopo una lettera indirizzata all’associazione in cui, tramite il segretario comunale, si contestava in maniera inopportuna ad ‘I care’ tutta una serie di questioni), l’associazione rispondeva in maniera puntuale con una lettera del 19 aprile 2017 (protocollata), in cui si affermava chiaramente che: “… non sussistono più né i modi né i tempi per una buona e costruttiva collaborazione tra noi di I CARE e l’amministrazione comunale di Travedona Monate per la realizzazione, nella data stabilita (sabato 27 maggio 2017), del music street festival Tacalaspina. (…)

Stante questo atteggiamento ostile da parte dell’amministrazione comunale, non possiamo più impegnarci nell’organizzazione di “Tacalaspina music street festival”.

L’associazione “I CARE” … ritiene che l’atteggiamento ostile da parte dell’amministrazione impedisca di fatto qualsiasi collaborazione futura nell’organizzazione di “Tacalaspina”.

Il comune non ha mai fatto un passo indietro, né ha chiesto pubblicamente scusa

Ad oggi, 20 febbraio 2018, non sono mai pervenute ad ‘I care’ scuse o smentite da parte dell’amministrazione comunale e quindi la nostra posizione resta quella. Espressa con largo anticipo. Già da aprile 2017 ‘I care’ aveva deciso, qualora fossero continuati i rapporti conflittuali, di non collaborare più con il Comune di Travedona Monate per quanto riguarda l’organizzazione di ‘Tacalaspina’. Quindi tra non fare più la manifestazione (com’è avvenuto l’anno scorso) oppure farla da un’altra parte, l’associazione ‘I care’ ha scelto la seconda ipotesi.

Un paio di doverose precisazioni

Inoltre ci preme sottolineare due cose:

1 – ‘I care’ era presente con ben due rappresentanti del direttivo alla riunione delle associazioni del 21 novembre 2017 a cui fa riferimento il comunicato del Comune (e dal quale si potrebbe intendere che ‘I care’ non fosse presente). In seguito i rapporti con l’amministrazione di Travedona Monate non sono continuati semplicemente perché è stato deciso dal direttivo di ‘I care’ di organizzare ‘Tacalaspina’ a Besozzo, sabato 9 giugno. Decisione comunicata al Comune di Travedona Monate a dicembre 2017 (con lettera protocollata). Era quindi inutile incontrarsi.

2 – la festa patronale di san Vito (che è il 15 giugno) verrà festeggiata il weekend del 16-17 giugno come chiaramente stabilito da calendario ufficiale e non il 9-10 giugno come invece sostiene l’amministrazione comunale. Ci auguriamo sia stata solo una svista. Sarebbe imperdonabile che i nostri amministratori non sappiano quando è la festa patronale.

Tutta la vicenda di cui sopra è chiaramente documentata in questo sito all’indirizzo:

http://www.icareassociazione.it/category/i-care/page/2/

TACALASPINA 2018 sarà a Besozzo

pubblicato in: Bacheca | 0

Perché Tacalaspina quest’anno non si farà a Travedona, ma a Besozzo

L’anno che sta per concludersi è stato molto intenso per l CARE, pur caratterizzato da alti e bassi. Da una parte, non si è potuto organizzare “Tacalaspina” music street festival, che da tanti anni costituiva l’appuntamento clou dell’anno e il principale introito per le nostre attività di volontariato sul territorio.

Dall‘altra, abbiamo avuto il piacere di essere iscritti all’Albo provinciale delle associazioni e di ottenere due importanti finanziamenti: dalla Fondazione “La Sorgente” e dalla Fondazione Comunitaria del Varesotto.

Il primo ci ha permesso di finanziare al 75% un importante progetto perle scuole del territorio su violenza alle donne, cyber bullismo e corruzione, dal titolo “La libertà nelle regole”.

ll secondo ci permetterà di mettere in scena uno spettacolo teatrale inedito su “Lettera a una professoressa” di don Lorenzo Milani, il nostro maestro e ispiratore.

Per quanto riguarda “Tacalaspina” sono cambiate tante cose. Anzitutto il rapporto con l’amministrazione comunale di Travedona Monate che, rispondendo negativamente alle nostre richieste (tra cui: la concessione di uno spazio per Ia nostra associazione; un aiuto concreto, di mezzi e uomini, nella gestione di viabilità e parcheggi durante l’evento, ecc…), o meglio non rispondendo affatto, ha creato tutti i presupposti affinché la manifestazione nel 2017 non potesse aver luogo.

Infine, a complicare ulteriormente la situazione, è intervenuta una circolare del Ministero dell’interno che pone nuove, e severe, norme in materia di sicurezza nell’organizzazione di eventi pubblici. Norme che un’associazione come la nostra, da sola, non può sostenere e che necessitano di una contributo concreto da parte del Comune. Su questo tema abbiamo avuto un incontro con l’amministrazione comunale di Travedona Monate che ci ha ribadito la sua volontà a concedere il via libera allo svolgimento degli eventi pubblici solo quando le necessarie misure di safety e security previste dal decreto vengano attuate dalla associazioni stesse. Noi di l CARE, lo abbiamo già ribadito più volte, non siamo in grado di gestire da soli la sicurezza e la viabilità di Tacalaspina. Per un evento del genere (che richiama parecchie migliaia di persone) abbiamo bisogno che il Comune stesso si faccia carico di queste problematiche.

In molti ci hanno contattato

Nel corso del 2017, dopo che I CARE aveva comunicato che Tacalaspina non si sarebbe potuto organizzare, abbiamo ricevuto la solidarietà e il sostegno di moltissime persone e associazioni. Non ci aspettavamo certo una tale mobilitazione a favore di Tacalaspina. Anche alcuni Comuni si sono subito fatti avanti per poter ospitare a casa loro il nostro music street festival, pronti ad “acquistare“ il “pacchetto completo“. Questo interesse ha dimostrato ancora una volta, casomai ce ne fosse bisogno, il valore e la qualità di Tacalaspina, un evento di eccellenza, che molti paesi ci invidiano. Un affetto tale, non lo nascondiamo, ci ha lusingato, premiando una manifestazione che abbiamo costruito poco a poco, con fatica, nel corso degli anni.

In particolare il Comune di Besozzo ci ha subito interpellato per ospitare sul suo territorio Tacalaspina, venendo incontro alle nostre richieste (che il Comune di Travedona aveva respinto) e distinguendosi subito per spirito collaborativo. L’Amministrazione comunale besozzese si è infatti attivata: ci ha messo a disposizione un piccolo spazio che funge da deposito per il materiale tecnico, ha dato disponibilità ad ospitare le riunioni organizzative e soprattutto si è incaricata di gestire Tacalaspina a livello logistico, con impegno di suo personale per viabilità e sicurezza, cominciando a Iavorare all’interno dell’ente per soddisfare le richieste che le nuove norme impongono. Ha inoltre messo a disposizione personale e amministratori per creare un evento condiviso, riconoscendone la portata.

è per questo che, a malincuore, traslochiamo. Salutiamo e ringraziamo Travedona Monate, che ci ha ospitato per tanti anni, e diamo il benvenuto a Besozzo, la nostra nuova “casa” per Tacalaspina 2018!

Di male in peggio. Sarà il clima elettorale?

pubblicato in: News dal mondo | 0

Non c’è più limite al peggio. C’è sempre qualcuno che riesce ad alzare l’asticella. E a superarla. Ci riferiamo ai due fatti che hanno “incorniciato” quest’ultima settimana di follia all’italiana. Prima Cristina Bertuletti, sindaca di Gazzada Schianno, leghista, che, nel giorno della Memoria osa postare su Facebook una frase a dir poco nauseante e ignominiosa nella sua volgarità: “Visto che è il giorno della memoria ricordatevi d’andare a pijarlo in …”. Ma c’è chi ride e la difende, ed è questo il peggio. Qui non c’è niente da ridere. C’è invece da chiedersi come una minus sapiens del genere possa essere stata eletta (democraticamente?) a sindaco. Riteniamo che una rappresentante dello Stato che scrive una frase del genere debba essere sottoposta a un esame psichiatrico ed essere interdetta dai pubblici uffici. E ci associamo al post di Giusy Nicolini, ex sindaca di Lampedusa (non rieletta democraticamente) che propone le sue dimissioni, così come molti sindaci del Varesotto.

La sindaca leghista Bertuletti, tuttavia non è nuova a prese di posizioni molto forti, e già in passato aveva scritto su Facebook, ad esempio, frasi in cui non nascondeva giudizi personali positivi sul regime fascista “sognando” la reincarnazione del Duce (che, secondo lei, sarebbe più “leghista” che “fascista”, e in effetti anche Salvini sarebbe d’accordo) e, in un altro post del 2016, insulti contro la segretaria della Cisl Annamaria Furlan che avrebbe meritato “l’esecuzione capitale”.

Una sindaca “originale”

La Lega aveva considerato anche la possibilità di una sua candidatura alle elezioni regionali, ma è stata la segreteria provinciale a bloccare ogni spazio, preoccupata che l’esuberanza della sindaca potesse in qualche modo oscurare gli altri candidati. Cristina Bertuletti non è nuova a iniziativa per così dire, fuori dagli schemi. Tempo fa ha presenziato a un consiglio comunale “in costume”, durante una seduta nel periodo di Carnevale; l’intera giunta comunale l’ha seguita mettendosi un costume (v. foto sotto). Purtroppo, nonostante le preoccupanti avvisaglie, nessuno ha messo in dubbio la sua salute mentale e l’ha fatta curare. Adesso ne paghiamo le conseguenze.

 

Luca Traini (Ansa)

Un giorno di ordinaria follia

Sono circa le 11 di sabato 3 febbraio a Macerata, quando Luca Traini, un robusto ragazzotto originario di Tolentino, già candidato con la Lega Nord alle amministrative del 2017, ex buttafuori e autista (insomma con un curriculum di tutto rispetto), spara una lunga serie di colpi dalla sua auto, un’Alfa Romeo 147 nera, contro le persone che incontra per strada. Apparentemente senza motivo, a caso. In realtà le persone colpite e ferite (al momento nessuna vittima), sono tutte immigrati africani. Traini viene poi bloccato dalle Forze dell’Ordine sulle gradinate del monumento ai caduti con una bandiera tricolore al collo, mentre faceva il saluto fascista. Traini ha un diploma da geometra e non ha precedenti penali. Vive a Tolentino, poco fuori Macerata, con la madre e la nonna, dopo aver lasciato due anni fa la casa del padre a Piediripa. Sulla tempia destra ha tatuata una runa Wolfsangel, cioè un “dente di lupo”, antico simbolo germanico associato al nazismo. Con la Lega si era candidato alle comunali a Corridonia, non prendendo nemmeno una preferenza.

I feriti sono tutti africani

Traini ha colpito e ferito almeno sei persone: Festus Omagbon, nigeriano di 32 anni, è ricoverato ad Ancona per una lesione vascolare al braccio destro; Wilson Kofis Lui, ghanese di 21 anni, è ricoverato per fratture alle costole e una contusione polmonare; Jennifer Otioto, nigeriana di 29 anni, è in attesa di un intervento chirurgico a un braccio fratturato dallo sparo; Mahmadou Toure, del Mali, 28 anni, è il più grave dei sei e da sabato è in rianimazione per una lesione al fegato, ma non è in pericolo di vita; Omar Fadera è stato colpito di striscio a un fianco ed è stato dimesso; Gideon Azeke, 25 anni, nigeriano, è stato operato alla coscia. In realtà i feriti sarebbero otto, ma due “clandestini” sarebbero fuggiti per far perdere le tracce.

Il movente nelle sue dichiarazioni

Il giovane neofascista verrà ascoltato sabato notte per due ore dal comandante provinciale dei Carabinieri. Ecco le sue dichiarazioni:

«Mi sono svegliato alle 8.30, avevo preso l’auto per andare in palestra, ma poi lungo il tragitto ho sentito alla radio che parlavano di nuovo del male fatto a Pamela da quel nigeriano e in quel momento non ci ho visto più. Sono tornato a casa di mia nonna Ada a Tolentino, ho aperto la cassaforte, ho estratto la Glock che detengo per uso sportivo, una scatola da 50 colpi e i due caricatori con una decina di pallottole ciascuno. Volevo ucciderli tutti». «Quando era tutto finito e avevo vuotato ormai i caricatori, sono andato a Pollenza. Mi sono fermato con l’auto proprio nel luogo dove avevano ritrovato le valigie con i poveri resti di Pamela e là sono rimasto, per qualche minuto, in raccoglimento. L’avevo appena vendicata, sparando trenta colpi. E ci tenevo a dirglielo».«Mi sono innamorato di due ragazze che avevano problemi di tossicodipendenza, ho cercato di salvarle ma loro si sono allontanate da me, colpa degli spacciatori (…). I pusher sono la rovina e sono sempre dei neri, due volte gli ho alzato le mani addosso e lo hanno fatto anche i miei amici».

La Pamela di cui parla Traini è Pamela Mastropietro, ragazza 18enne che viveva in una comunità di recupero e il cui corpo mutilato è stato ritrovato pochi giorni fa a Macerata in due diverse valigie. Finora l’unico arrestato in relazione alla morte di Mastropietro è Innocent Osheghale, un 29enne nigeriano che si presume fosse uno spacciatore. Alcuni testimoni dicono che Traini si è fermato al bar dicendo: «Vado a fare una strage».

I libri trovati in casa di Luca Traini (Ansa)

La perquisizione della sua casa

Dopo la sparatoria, nella sua casa di Tolentino i carabinieri hanno trovato una copia del libro di Adolf Hitler, Mein Kampf, una bandiera con la croce celtica e parecchie riviste riconducibili al mondo dell’estrema destra (tra cui un testo sulla storia della Repubblica sociale italiana e un manifesto della Gioventù fascista). C’erano poi DVD e videocassette sulla storia del nazismo. I carabinieri stanno anche esaminando il suo profilo Facebook alla ricerca di ulteriori possibili legami con l’estremismo di destra. Traini ora è in isolamento nel carcere di Montacuto ad Ancona, lo stesso dove si trova Innocent Oseghale, l’uomo arrestato per l’omicidio e le mutilazioni sul cadavere di Pamela Mastropietro. Rischia fino a quindici anni di carcere per l’accusa di strage (in questo caso aggravata da motivi razzisti).

Le preoccupazioni del suo avvocato

L’avvocato di Traini, Giancarlo Giulianelli, ha detto che «la morte di Pamela ha creato un blackout totale nella sua mente che potrebbe configurare l’incapacità di intendere e di volere al momento del gesto». Il legale molto probabilmente chiederà quindi una perizia psichiatrica. Traini però durante l’interrogatorio ha detto di non essere in cura da uno specialista.

Traini avrebbe poi parlato delle sue fidanzate e di una in particolare con problemi di tossicodipendenza, ha detto il suo avvocato difensore: «Forse per questo si è scatenata la sua furia. Ha legato i ricordi a Pamela Mastropietro e al pusher di colore che l’ha uccisa. Così è scattato l’odio».

Ma l’ultima drammatica considerazione esce ancora dalla bocca dell’avvocato Giulianelli: «A Macerata mi fermano per darmi messaggi di solidarietà al mio assistito. E questo è allarmante. Politicamente c’è un problema. Questa classe politica: destra, sinistra, centro – ha chiesto il legale – come ha trattato il problema dei migranti? Se questo è il risultato… Luca è la punta di un iceberg, la più eclatante e da condannare, ma la base è molto più vasta. Ci sono persone, e non è neanche un fatto di razzismo, che non condividono il modo di gestire i migranti. La politica non ha dato una risposta al problema – ha concluso Giulianelli -: la destra l’ha strumentalizzato, la sinistra l’ha ignorato e sottovalutato…».

Ciao Michele, esempio di laicità fino all’ultimo

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 1
Oggi hai raggiunto don Lorenzo nel Paradiso dei Giusti.
Un abbraccio da tutti quelli che, come te, sono “figli” di don Milani.

FIRENZE: E’ MORTO MICHELE GESUALDI, EX ALLIEVO DI DON MILANI, GIA’ PRESIDENTE PROVINCIA =

Firenze, 18 gen. (Adnkronos) – È morto Michele Gesualdi, ex allievo di don Lorenzo Milani alla Scuola di Barbiana, già presidente della Provincia di Firenze dal 1995 al 2004. Aveva 74 anni. Pur non avendo più ricoperto cariche amministrative è rimasto membro del Partito Democratico in Toscana, abbandonando l’attività politica in seguito all’insorgere della Sla.

Nei mesi scorsi Gesualdi ha scritto una lettera aperta ai presidenti delle due Camere esortandoli ad affrettare l’iter burocratico per la legge al riguardo del testamento biologico. Due mesi fa è nato un comunicato popolare a sostegno della sua richiesta con lo slogan “Fate presto” per chiedere l’approvazione del biotestamento che è poi avvenuto a dicembre. (segue)

 

(Adnkronos) – Nella lettera, resa nota pubblicamente a novembre, Franco Gesualdi aveva raccontato la sua malattia lanciando un appello: “Fate presto, non voglio essere torturato”. Parole che hanno fatto nascere un comitato e un hashtag che in pochi giorni trovò sostenitori da ogni parte d’Italia

“La Sla è una malattia spaventosa, al momento irreversibile e incurabile – scriveva Gesualdi nella lettera – avanza, togliendoti giorno dopo giorno un pezzo di te stesso: i movimenti dei muscoli della lingua e della gola, che tolgono completamente la parola e la deglutizione, i muscoli per l’articolazione delle gambe e delle braccia, quelli per il movimento della testa, e respiratori e tutti gli altri. Alla fine rimane un scheletro rigido come se fosse stato immerso in una colata di cemento. Solo il cervello si conserva lucidissimo insieme alle le sue finestrelle cioè gli occhi, che possono comunicare luce ed ombre, sofferenza, rammarico per gli errori fatti nella vita, gioia e riconoscenza per l’affetto e la cura di chi ti circonda”.

L’esperienza avuta da Gesualdi come allievo della scuola di Barbiana lo ha portato in seguito a creare la Fondazione Don Milani e anche a scrivere dei libri: “Don Lorenzo Milani: l’esilio di Barbiana” (San Paolo Edizioni, 2016); “Don Lorenzo Milani La parola fa eguale” (Libreria Editrice Fiorentina, 2005); “Il ponte di Luciano” (Libreria Editrice Fiorentina, 2008); “Il Catechismo di don Lorenzo Milani” (Libreria Editrice Fiorentina, 1983). Ha curato anche il volume “Lettere di don Lorenzo Milani priore di Barbiana” (San Paolo Edizioni, 2007).

(Adnkronos) – Nel settembre 2013, come presidente della Fondazione don Lorenzo Milani, Michele Gesualdi scrisse a Papa Francesco per chiedergli, in occasione del novantesimo anniversario della nascita di don Lorenzo Milani, di esplicitare la decadenza formale del provvedimento del Santo Uffizio contro il libro “Esperienze pastorali” che nel dicembre 1958 ne ordinò il ritiro dal commercio perché inopportuna la lettura.

Un appello che Papa Francesco accolse. Nell’aprile 2014 il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, rese noto che la Congregazione della Dottrina per la Fede (ex Sant’Uffizio) considerava superato il provvedimento su “Esperienze Pastorali”.

“È una notizia che mi riempie di gioia – commentò Gesualdi – perché cade ogni ombra della Chiesa sull’operato di don Lorenzo Milani e la Chiesa lo abbraccia definitivamente considerando il suo libro ‘patrimonio del cattolicesimo italiano e in particolare della Chiesa fiorentinà. Siamo grati al Cardinale Betori per il notevole contributo dato per questo riconoscimento che per ben quattro volte, nell’arco di questi 56 anni, era stato richiesto”. Nel giugno scorso Papa Francesco si è recato a Barbiana per commemorare don Milani nel
50esimo anniversario della morte.

(Adnkronos) – Lo scorso 20 giugno, in occasione della storica visita del Papa a Barbiana, Michele Gesualdi ebbe un incontro a porte chiuse con Francesco nella cucina della canonica, che si concluse con un abbraccio tra i due.

Michele Gesualdi era nato a Bovino (Foggia) il 21 dicembre 1943. Quando era bambino, Michele Gesualdi fu strappato a un orfanotrofio da don Lorenzo Milani, del quale sui banchi della scuola di Barbiana divenne l’allievo prediletto. Michele fu uno dei primi sei allievi del priore di Barbiana.

 

1 2 3 4 8