Un progetto di accoglienza per la nostra comunità

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

Tripoli, chiesa di San Francesco

 

Nei primi giorni di settembre alla Caritas parrocchiale si sono presentate due persone: Anthony e Vida Biney, una coppia Ghanese arrivata il 22 agosto in Italia dalla Libia con un visto turistico e il desiderio di rifarsi una vita dignitosa.

Hanno vissuto per 23 anni a Tripoli esercitando la professione di insegnanti in una scuola per stranieri. Negli ultimi tre anni la scuola non ha elargito più gli stipendi e non ha offerto più alcuna garanzia a chi vi insegnava, né agli studenti. Le condizioni di vita in Libia sono molto peggiorate in questi anni, ogni spostamento è divenuto pericoloso e i loro risparmi si sono volatilizzati.

Anthony e Vida facevano parte della comunità cristiano-cattolica di Tripoli dove erano impegnati attivamente, soprattutto come coppia guida nei percorsi di preparazione al matrimonio e nel sostegno ai bisognosi, ma per loro le condizioni si sono fatte via via più difficili, per cui hanno investito gli ultimi averi in questo viaggio in Italia.

La possibilità di ritornare in Ghana per Anthony è complicata a causa della sua appartenenza ad una famiglia importante, coinvolta in faide di potere territoriale, che hanno determinato la perdita del padre e del fratello. Nei due tentativi di ritorno nel suo Paese, ha dovuto scappare per non incorrere nella stessa fine. A lui non interessano queste faide, ma per gli altri lui rappresenta un pericolo.

Poiché non erano a conoscenza delle leggi italiane, appena atterrati a Malpensa, sono andati in un motel dove sono rimasti per alcuni giorni senza sapere come muoversi. Quando hanno incontrato la Caritas parrocchiale ed hanno potuto avere un colloquio informativo, era ormai troppo tardi per una richiesta d’asilo con sostegno, e con il visto turistico non avevano alcun’altra possibilità di rimanere oltre la scadenza. Così dopo vari colloqui e consigli, è stata fatta la richiesta d’asilo, ma senza il diritto di rientrare nel circuito dell’accoglienza.

Attualmente sono ospitati temporaneamente presso una famiglia di Travedona ed attendono il rilascio di un documento che gli consentirebbe di avere il codice fiscale e quindi di fare un contratto di comodato per un piccolo appartamento messo gratuitamente a disposizione da parte di un privato.

Già questi gesti sono un segno di come la nostra comunità si possa attivare nell’accoglienza, in maniera semplice e spontanea e ci invitano a partecipare a questa esperienza fraterna. Visto che non hanno alcun sostegno da parte dello stato, se non a livello sanitario, la Comunità Pastorale e l’associazione “I Care” si sono rese disponibili a sostenere questa coppia confidando anche sulla vostra partecipazione.

Per chi volesse incontrarli può chiamare il 347 95 90 670
Per chi volesse contribuire per il loro sostentamento, potete rivolgervi alla Caritas di Travedona, oppure fare un bonifico all’associazione I Care, indicando nella causale “progetto Anthony e Vida” IBAN IT09R0501801600000000138108 Banca Etica.

Domenica 26 novembre al teatro “S. Amanzio” di Travedona “Similmente diversi” per dialogare tra le fedi

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

 

Chiuso il trittico di film sul dialogo interreligioso, “Fedi in gioco” ospita al cineteatro S. Amanzio “Similmente diversi – Come la fede aiuta a cogliere la bellezza della diversità avvicinando popoli e culture”, non una conferenza, ma un modo d’incontrare esperienze di persone che si trovano a vivere in condizioni a volte molto difficili, una posizione di minoranza, culturale o religiosa. Vi aspettiamo

 

Venerdì 24 novembre alla sala “La Marna” di Sesto Calende incontro con le scuole sul tema della violenza contro le donne

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

 

 

Il nostro progetto, dal titolo LA LIBERTA’ NELLE REGOLE, ha ottenuto un importante contributo da parte della Fondazione “La Sorgente” e avrà come obiettivo di sensibilizzare gli studenti su temi oggi fondamentali come la violenza di genere, il cyberbullismo e la corruzione. Temi nei confronti dei quali gli studenti saranno chiamati a prendere una posizione critica che permetta loro di apprezzare la legalità e il rispetto delle regole, come luoghi in cui sentirsi liberi e non oppressi. Il progetto debutterà venerdì 24 novembre, alle ore 9.30, presso la sala “La Marna” di Sesto Calende con un’importante conferenza dal titolo “La violenza contro le donne”. Interverranno: Marilena Guglielmetti (criminologo investigativo), Nicoletta Romanelli (Psicologa e psicodiagnosta), una donne vittima di violenza seguita dall’associazione “Donna si- cura”, un ufficiale dell’Arma dei Carabinieri.

Art. 3 della Costituzione: “tutti gli uomini sono uguali”

Il progetto, in occasione dei settant’anni della nostra costituzione (li compirà il 27 dicembre prossimo), prendendo spunto dall’art. 3 («Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese») vuole focalizzare l’attenzione su due macro-temi, oggi di grande attualità: la violenza di genere e la corruzione. Problemi che, nella realtà quotidiana, smentiscono clamorosamente l’art. 3. Infatti le vittime, sia di violenza che di ricatti economici, vivono una condizione di debolezza e di sudditanza che le rende particolarmente fragili ai fenomeni criminali. La violenza di genere e la corruzione sono intesi quali aspetti di una medesima modalità d’agire ai fini della sopraffazione del più debole, nonché sintomi di grave fragilità etica e culturale.
Il nostro progetto è di conseguenza diviso in due parti: una prima che avrà come focus la violenza di genere e il cyberbullismo e una seconda che, nella seconda parte dell’anno scolastico, metterà al centro il tema della corruzione e della legalità.

Prossimo appuntamento

Il 5 dicembre, all’auditorium Gavirate, ore 8.45 e, successivamente, ore 11.15, alla sala “La Marna”, Sesto Calende, secondo incontro con le scuole dal titolo “La violenza corre on line”. Intervengono: Paolo Picchio (papà di Carolina, vittima di cyberbullismo), Marilena Guglielmetti (criminologo investigativo), Roberta Donati (associazione “No violenza donna)

Finalità educative del progetto

Il Progetto LA libertà nelle regole vuole responsabilizzare i ragazzi delle scuole sui fenomeni di cui sopra che spesso vengono sottovalutati o minimizzati, amplificandone quindi la pericolosità. Solo una coscienza critica da parte dei ragazzi nell’uso dei social media, nel rispetto delle regole e delle diversità, si potranno contenere, ed eventualmente denunciare, situazioni potenzialmente criminose.

I nostri partner

Partecipano al progetto le seguenti scuole: IC comprensivo “G. Leva” di Travedona Monate, IC “G. Ungaretti” di Sesto Calende, ISIS “E. Stein” di Gavirate, IIS “Dalla Chiesa” di Sesto Calende, altri Istituti Comprensivi dei Comuni dell’Alto Varesotto. Tutte le scuole interessate fanno parte della rete CPL – Centro Permanente di promozione della Legalità con sede presso il Liceo “Crespi” di Busto Arsizio. Le classi interessate saranno le terze delle scuole secondarie di primo grado e quelle delle scuole secondarie di secondo grado. Inoltre: A.C.L.I. di Gavirate, Comune di Gavirate, Comune di Besozzo, Comune di Comerio, Associazione “Donna sicura”, A.N.P.I. di Sesto Calende.

 

Michele, noi di I CARE siamo tutti con te

pubblicato in: News dal mondo, Ultime da I care | 0
Pubblichiamo le lettere che l’amico Michele Gesualdi, già allievo di don Lorenzo Milani e presidente della Provincia di Firenze, nonché presidente della Fondazione don Milani, ha indirizzato dapprima ai presidenti di Camera e Senato e, poi, in risposta a Michele Gigli presidente del “Movimento per la Vita” sulle pagine del quotidiano cattolico “Avvenire”. Pensiamo che il pensiero di Michele, riguardo alla legge sul fine vita, possa essere condiviso da molti di noi, cattolici e non.

Da tre anni la Sclerosi laterale amiotrofica lo consuma, lo «tortura», lo ha trasformato «in un scheletro rigido come se fosse stato immerso in una colata di cemento». Ma la sua mente, i suoi occhi, sono sempre gli stessi. Così, Michele Gesualdi, ha deciso di scrivere ai presidenti della Camera e del Senato, Laura Boldrini e Piero Grasso, e a tutti i presidenti dei gruppi parlamentari, per implorarli ad accelerare l’approvazione della legge sul testamento biologico. Due volte presidente della Provincia di Firenze, storico sindacalista Cisl, Gesualdi è stato uno dei primi sei allievi della scuola di don Milani, a Barbiana. Fu il prediletto di Don Lorenzo, ancora oggi presidente della Fondazione che ne porta testimonianza. «Mio babbo è un cattolico di ferro — spiega la figlia Sandra — aveva scritto la lettera da mesi ma non l’aveva voluta spedire perché aveva paura di creare compassione e soprattutto paura di essere strumentalizzato. Per lui volontà e dignità della persona devono essere al centro di tutto. Ma la sua lettera non è nel modo più assoluto un’apertura all’eutanasia». Michele Gesualdi, nella lettera, racconta il suo dolore e quello dei suoi famigliari. Ripete più volte la parola «tortura».

 

Lettera ai presidenti di Camera e Sentao

Carissimi,
mi chiamo Michele Gesualdi, qualcuno di voi probabilmente ha sentito parlare di me perché sono stato presidente della Provincia di Firenze per due legislature e allo scadere dei mandati sono stato sostituito da Matteo Renzi. Oggi vi scrivo per implorarvi di accelerare l’approvazione della legge sul testamento biologico, con la dichiarazione anticipata di volontà del malato, perché da tre anni sono stato colpito dalla malattia degenerativa Sla e alcuni sintomi mi dicono che il passaggio al mondo sconosciuto potrebbe non essere lontano. I medici mi hanno informato che in caso di grave crisi respiratoria può essere temporaneamente superata con tracheotomia come in caso di ulteriore difficoltà a deglutire si può ricorrere alla Peg (gastrotomia endoscopica percutanea). La Sla è una malattia spaventosa, al momento irreversibile e incurabile. Avanza, togliendoti giorno dopo giorno un pezzo di te stesso: i movimenti dei muscoli della lingua e della gola, che tolgono completamente la parola e la deglutizione, i muscoli per l’articolazione delle gambe e delle braccia, quelli per il movimento della testa, respiratori e tutti gli altri. Alla fine rimane un scheletro rigido come se fosse stato immerso in una colata di cemento. Solo il cervello si conserva lucidissimo insieme alle sue finestrelle, cioè gli occhi, che possono comunicare luce ed ombre, sofferenza, rammarico per gli errori fatti nella vita, gioia e riconoscenza per l’affetto e la cura di chi ti circonda. Se accettassi i due interventi invasivi mi ritroverei uno scheletro di gesso con due tubi, uno infilato in gola con attaccato un compressore d’aria per muovere i polmoni e uno nello stomaco attraverso il quale iniettare pappine alimentari. Per quanto mi riguarda in modo molto lucido ho deciso di rifiutare ogni inutile intervento invasivo ed ho scritto la mia decisione chiedendo a mia moglie di mostrarla ai medici affinché rispettino la mia volontà. Quando mia moglie e i miei figli mi hanno visto ridotto ad uno scheletro dovuto alla difficoltà di deglutire, mi hanno implorato di accettare almeno l’intervento allo stomaco per essere alimentato artificialmente, perché sarebbe stato un dono anche un solo giorno in più che restavo con loro. Questo mi ha messo in crisi e ho ceduto anche per sdebitarmi un po’ nei loro confronti. A cosa fatta, confermo tutti i motivi dei miei rifiuti, che consistono nel fatto che non sono interventi curativi, ma solo finalizzati a ritardare di qualche giorno, o qualche settimana, l’irreparabile, che per il malato significa solo allungare la sofferenza in modo penoso e senza speranza. Per i malati di Sla la morte è certa, e può essere atroce se giunge per soffocamento. C’è chi sostiene che rifiutare interventi invasivi sia una offesa a Dio che ci ha donato la vita. La vita è sicuramente il più prezioso dono che Dio ci ha fatto e deve essere sempre ben vissuta e mai sprecata. Però accettare il martirio del corpo della persona malata quando non c’è nessuna speranza né di guarigione né di miglioramento, può essere percepita come una sfida a Dio. Lui ti chiama con segnali chiarissimi e rispondiamo sfidandolo, come se si fosse più bravi di lui, martoriando il corpo della creatura che sta chiamando, pur sapendo che è un martirio senza sbocchi. Personalmente vivo questi interventi come se fosse una inutile tortura del condannato a morte prima dell’esecuzione. Come tutti i malati terminali negli ultimi cento metri del loro cammino, pregano molto il loro Dio, e talvolta sembra che il silenzio diventi voce e ti dica: «Hai ragione tu, le offese a me sono altre, tra queste le guerre e le ingiustizie sociali perpetrate a danno della umanità. Chi mi vuole bene può combatterle con concrete scelte politiche, sociali, sindacali, scolastiche e di solidarietà». Di fronte a queste parole rimane una grande serenità che ti toglie la voglia di piangere e urlare. Ti resta solo l’angoscia per le persone che ami e che ti amano. Quando mia moglie ha saputo che in caso di crisi respiratoria durante la notte non ha altra scelta che chiamare il 118 e che il medico di bordo o quelli del pronto soccorso possono rifiutarsi di rispettare la volontà del malato e procedere ad interventi invasivi, si è disperata e mi ha detto: «Se ti viene di notte una crisi forte non posso chiuderti in camera e assistere disperata in silenzio a vederti morire. Sarebbe per me un triplice dramma: tremendamente sola di fronte alla tragedia, non poter corrispondere a un tuo desiderio, anche se sofferto da me e dai figli, e l’immenso dolore di perderti». Per l’insieme di questi motivi sono a pregarvi di calarvi in simili drammi e contribuire ad alleviarli con l’accelerazione della legge sul testamento biologico. Non si tratta di favorire l’eutanasia, ma solo di lasciare libero l’interessato, lucido cosciente e consapevole, di essere giunto alla tappa finale, di scegliere di non essere inutilmente torturato e di levare dall’angoscia i suoi familiari, che non desiderano sia tradita la volontà del loro caro. La rapida approvazione della legge sarebbe un atto di rispetto e di civiltà che non impone ma aiuta e non lascia sole tante persone e le loro famiglie.
Michele Gesualdi

Lettera in risposta a Gian Luigi Gigli (Movimento per la Vita)

Gentile direttore,
ho letto con rammarico la posizione di Gian Luigi Gigli (presidente del Movimento per la Vita, ndr) rispetto alla mia lettera inviata a tutti i gruppi parlamentari di Camera e Senato e ai presidenti di quelle Assemblee legislative per implorare l’approvazione della legge sul fine vita. E vorrei replicargli.
«Caro Gigli, sento nelle premesse e nel tono la voglia di sporcare di polemica un grido di dolore e di dignità affinché la politica svolga il suo compito con il coraggio di scegliere. Senza ideologie ma nella consapevolezza, come afferma papa Francesco nella Evangelii gaudium, che “la realtà è superiore all’idea” ed è alla realtà che bisogna guardare ispirati dal valore alto della dignità della persona umana nella sua integrità. Per questo ho implorato i gruppi parlamentari di approvare una legge con la quale si rispetti la volontà del malato colpito da patologia degenerativa senza speranza di guarigione e con la quale non essere torturato con interventi invasivi. Mi risponde parlando di amarezza, di strumentalizzazioni e addirittura del male che il mio appello potrebbe fare ad altri malati. Le sue considerazioni sulla Sla le conoscevo già, naturalmente, e le utilizza solo per dirmi che non vuole una legge. I diritti dei malati e le loro sofferenze reali passano in secondo piano. Sta qui la differenza. Io vorrei una legge a favore di chi soffre e che dia certezze anche ai loro cari, oltre ogni ideologia, lei, caro Gigli, probabilmente “spera di dare una spallata a un iter legislativo messo in forse dall’imminente chiusura della legislazione” e che vada nel dimenticatoio.
Nella mia lettera pongo il caso in cui dovessi essere colpito di notte da crisi respiratoria e il 118 mi porti al pronto soccorso e magari vi giunga in stato di incoscienza: il medico di turno, per non avere noie con l’attuale legge che gli impone comunque di trattare il paziente, può non ascoltare i familiari e rispettare la mia volontà e praticarmi la tracheotomia. La sua risposta è un’opinione, non una certezza. Lo dimostra la posizione di altri medici, che da cattedre prestigiose come la sua sostengono pubblicamente che una legge chiara solleverebbe e aiuterebbe anche loro. Poi mi cita don Lorenzo e il mio essere cattolico quasi per dirmi che i cattolici non devono parlare di queste cose e che la mia lettera può far addirittura del male. Don Lorenzo è stato un sacerdote che ha scelto senza mezzi termini di stare con la Chiesa dei poveri e ha speso la sua vita per dar loro dignità religiosa e sociale attraverso la scuola. Col coraggio di parlare sempre chiaro al mondo cattolico e ai superiori della sua Chiesa fiorentina, mentre non capito è stato mandato in esilio a Barbiana per farlo tacere. Lui ha sempre ubbidito perché aveva scelto la Chiesa per i suoi sacramenti che valevano molto di più delle sue idee. Ma questo non gli ha impedito di parlare sempre chiaramente. Lo ha rivalutato papa Francesco e sono tra quelli che considero il suo papato un gran dono che Dio ha fatto alla Chiesa e all’umanità intera.
Anch’io ho cercato di camminare, per tutta la mia vita, nei binari dei grandi valori cattolici e tra questi c’è la difesa del dono della vita, quindi non mi troverà mai a sostenere o praticare l’eutanasia. Ma nei confronti di quelle creature che non sono sorrette da tali valori e fanno questa drammatica e traumatizzante scelta per accorciare la loro sofferenza dissento con doloroso silenzio perché penso che tra i comportamenti del buon cristiano ci sia quello di mettersi nei panni dell’altro.
Caro Gigli, il male purifica e fa divenire macigni ancora più pesanti le parole del Padre Nostro per la buona condizione della vita : «Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori… Dacci oggi il nostro pane quotidiano… Liberaci dal male». Siamo inoltre a interrogarci continuamente per capire cosa Dio vuole da noi coi segnali che ci dà. A me ha tolto la parola e mi ha spinto a prendere la penna in mano per continuare a testimoniare ai ragazzi di oggi le scelte coraggiose di don Lorenzo raccontando la sua esperienza. E oggi trovandomi nel dolore dei malati terminali e in quello dei propri cari ho interpretato che dovessi impegnarmi a sollecitare il Parlamento ad approvare rapidamente una giusta ed equa legge sul fine vita. Una legge che conceda dignità di essere umano a me e ai tanti malati, e alle loro famiglie che vivono in solitudine il loro dramma».
Michele Gesualdi

“Fedi in gioco”, al cinema ‘S. Amanzio’ di Travedona tre appuntamenti per riflettere sul senso del credere

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

volantino-a4-OK

domenica 08 ottobre 2017 – ore: 21.00 – MY AUSTRALIA

In collaborazione con ACEC e RELIGION FOR PEACE e I CARE, il ciclo “FEDI IN GIOCO” promuove il dialogo religioso con il cinema. In MY AUSTRALIA (di Ami Drozd, Israele, 96`) siamo in Polonia, 1960. Il piccolo Tadek e suo fratello, cresciuti come cattolici, fanno parte di una banda antisemita. Quando vengono arrestati, la madre, sopravvissuta all`Olocausto, non ha altra scelta che rivelare al maggiore che in realtà sono ebrei. Dicendo a Tadek che sono diretti in Australia, la terra delle sue fantasie, la famiglia si imbarca per Israele. Un dramma tenero e divertente basato su esperienze personali del regista.

domenica 22 ottobre 2017 – ore: 21.00 – SLOR e MARIAM

Due cortometraggi: SLOR di Charlotte Schioler, Francia,Danimarca – 2014 corto, 17min e MARIAM di Faiza Ambah, EAU,Francia,Arabia,USA,Qatar 2015 45 min

SLOR rivelazioni, pluripremiato, spiazzante cortometraggio su quello che ci attende quando ci mettiamo letteralmente nei panni dell`altro. Nella francia del XXI secolo le sfide inedite della convivenza in un mondo profondamente trasformato dai fenomeni migratori sullo sfondo delle tensioni tra le forze opposte della secolarizzazione e del ritorno al sacro. Sono le stesse coordinate entro cui prende forma la ribellione di MARIAM, adolescente di origine araba che a scuola non vuole togliere il velo come impone la legge francese.

domenica 12 novembre 2017 – ore: 21.00 – AGNUS DEI

In AGNUS DEI (di Anne Fontaine. Con Lou de Laâge, Agata Buzek, Agata Kulesza, Vincent Macaigne, Joanna Kulig. Drammatico, durata 115 min. – Francia, Polonia 2016) Mathilde Beaulieu è una giovane dottoressa francese della Croce Rossa in Polonia nel 1945. Quando una suora polacca, cerca il suo aiuto, Mathilde la segue nel convento di benedettine, dove scopre che molte di loro, violentate dai soldati russi nel corso di una violenta irruzione, sono rimaste incinte e sono sul punto di partorire. Tenuta al segreto professionale, cui si aggiunge quello imposto dalla madre superiora e dalla situazione, Mathilde fa visita al convento di notte, esponendosi a non pochi rischi, e supera gradualmente la paura e la diffidenza delle monache, arrivando a stabilire con una di loro, Suor Maria, uno scambio profondo.

Ingresso 3€ a tutte le proiezioni

Domenica ci vediamo a Varese per la sesta marcia interreligiosa per la pace. Obiettivo: salvare il pianeta

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

manifesto2017-A4-DEF

COMUNICATO-1-A5

 

CUSTODIAMO LA TERRA INSIEME

6° MARCIA INTERRELIGIOSA DELLA PACE

VARESE GIARDINI ESTENSI, 24 SETTEMBRE 2017 ORE 14,30

Programma

Ritrovo ai Giardini estensi alle 14,30. Partenza della marcia verso le 14,45. Ritorno ai giardini verso le 15,45 dove ogni tradizione religiosa porterà il proprio contributo sul tema. In caso di pioggia la marcia partirà da piazza Repubblica verso le 15 e terminerà alla sala Montanari in via dei Bersaglieri, 1

Il cambiamento climatico e l’inquinamento ambientale rappresentano una grave minaccia per la vita umana. Ciascuno di noi assiste a fenomeni sempre più frequenti di siccità, inondazioni e disastri naturali che non conoscono confini di stato. Sono questioni di portata mondiale che possono solo aggravare problemi globali di povertà, migrazione e conflitti.

Lo sviluppo costruito sull’uso non sostenibile delle risorse naturali è la causa di tutto questo e avrà conseguenze sempre più devastanti, se non ridurremo le emissioni globali di gas a effetto serra.

La terra non è una merce, ma la nostra casa, che siamo chiamati a custodire e salvaguardare.

I testi sacri e gli insegnamenti religiosi sono ricchi di inviti a curare e proteggere l’ambiente, affinché le nostre azioni possano consegnare un pianeta migliore alle generazioni future.

Per evitare una crescente crisi ecologica, occorre una conversione personale e collettiva dei nostri stili di vita in modo da trasmettere un nuovo modo di vedere e vivere la Terra.

Utilizziamo le nostre risorse spirituali, per educare e ispirare un legame religioso più profondo con l’ambiente che ci circonda.

Oggi condividiamo sia l’impegno a custodire la Terra, che la responsabilità morale di portare questo messaggio nelle nostre comunità e nelle nostre città.

Varese 1 settembre 2017 (giornata mondiale di preghiera per il creato) In collaborazione col Comune di Varese

Partecipano: Chiese Cristiane (Battista, Cattolica, Luterana, Metodista e Ortodossa Rumena) di Varese, Comunità Baha’i Varese, Comunità Induista Saronno, Comunità Islamica di Varese, Comunità Sikh Varese, Gruppo Buddista Soka Gakkai Varese

Aderiscono: Associazione Costruttori di Pace Luino, Associazione Estro-versi Varese, Associazione I care Travedona Monate, Associazione Laici Missionari Comboniani (Combinazione), Associazione provinciale Pakistani Varesini, Associazione Senegalesi e Simpatizzanti della provincia di Varese, Comitato per la Pace e la Convivenza Sesto Calende, Comunità Filippina di Varese, Coopuf Iniziative Culturali, Gruppo Impegno Missionario Luino (GIM), Gruppo Radici dell’Olivo, Legambiente Varese, Movimento Ubuntu, Pax Christi Tradate, Sermig Varese.

Grande successo per il Cenaforum 2017

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

La fortunata “formula” che unisce cinema&cibo, quest’anno dedicata all’Europa dell’Est, ha riscosso l’apprezzamento di tutti i soci partecipanti. Qui di seguito, qualche immagine suggestiva delle tre serate che hanno visto protagoniste le tradizioni gastronomiche di Polonia, Bulgaria e Ucraina.

Polonia

IMG-20170623-WA0009 IMG-20170623-WA0014 IMG-20170624-WA0005

Bulgaria

IMG-20170707-WA0003 IMG-20170707-WA0004 IMG-20170708-WA0001

Ucraina

IMG-20170714-WA0015 IMG-20170714-WA0018 IMG-20170714-WA0025

 

Papa Francesco a Barbiana. Una visita storica

pubblicato in: News dal mondo, Ultime da I care | 0

mazzolari-Milani

In questo 2017 “milaniano” a tutti gli effetti (non solo per i cinquant’anni dalla morte di don Lorenzo e dalla pubblicazione di “Lettera a una professoressa”, ma anche per la pubblicazione dell’opera omnia del priore da parte di Mondadori nella prestigiosa collana Meridiani https://www.amazon.it/Tutte-opere-Lorenzo-Milani/dp/8804657464/ref=sr_1_fkmr0_1?s=books&ie=UTF8&qid=1497708076&sr=1-1-fkmr0&keywords=opere+don+milani), la visita di Papa Francesco a Barbiana martedì prossimo è il culmine di un processo di “celebrazione” del priore che, finalmente e a pieno titolo, può entrare a far parte dei “santi” e dei grandi educatori del ‘900.

Anche noi di “I CARE” non mancheremo di “celebrarlo” con lo spirito giusto (quello quindi di un’anti-celebrazione) e, soprattutto, non mancheremo di comunicarvelo.

Martedì 20 giugno 2017 papa Francesco si recherà in pellegrinaggio a Bozzolo (provincia di Mantova e diocesi di Cremona) e a Barbiana (provincia e diocesi di Firenze), per pregare sulle tombe di don Primo Mazzolari e di don Lorenzo Milani. La visita, in forma privata, toccherà prima Bozzolo, dove il Santo Padre sarà accolto dal vescovo di Cremona Antonio Napolioni, e poi Barbiana, dove sarà atteso dall’arcivescovo di Firenze, Giuseppe Betori. Per chi vuole si potrà seguire l’evento in diretta televisiva su TV2000.

Ecco il programma della visita (che si svolgerà in forma privata):

Ore 7.30 Decollo in elicottero dall’eliporto Vaticano

Ore 9.00 Atterraggio nel campo sportivo di Bozzolo (Mantova)Il Santo Padre è accolto da: – S.E. Mons. Antonio Napolioni, Vescovo di Cremona – Sindaco di Bozzolo. Parrocchia di San Pietro: preghiera sulla tomba di Don Primo Mazzolari (1890-1959). Il Santo Padre terrà un discorso commemorativo ai fedeli presenti in chiesa

Ore 10.30 Decollo dal campo sportivo di Bozzolo

Ore 11.15 Atterraggio nello spiazzo sottostante alla chiesa di Barbiana Il Santo Padre è accolto da: – Em.mo Card. Giuseppe Betori, Arcivescovo di Firenze – Sindaco di Vicchio (Firenze) Visita in privato nel Cimitero, e preghiera sulla tomba di Don Lorenzo Milani (1923-1967), in occasione del 50° anniversario della sua morte. Nella chiesa: incontro con i discepoli di don Milani ancora viventi e breve visita nella canonica. Nel giardino adiacente: il Santo Padre terrà un discorso commemorativo, alla presenza dei discepoli, di un gruppo di sacerdoti della Diocesi e di alcuni ragazzi ospiti di case-famiglia (in totale 200 persone circa).

Ore 12.30 Partenza da Barbiana

Ore 13.15 Rientro in Vaticano

Per chi volesse approfondire, consigliamo vivamente la lettura degli articoli pubblicati in questi giorni dal quotidiano “Avvenire”

https://www.avvenire.it/agora/pagine/don-milan-e2fcb305775747a8aa565436358be347

https://www.avvenire.it/agora/pagine/don-mazzolari

Con l’estate torna il CENAforum: protagonista l’Europa dell’Est

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

ManifestoCENaFORUM-A4-2017

A grande richiesta torna il CENAforum, la cucina estiva all’aperto più apprezzata da soci e non soci, allestita da I CARE nella cornice suggestiva del cineteatro “S. Amanzio” di Travedona. Il tema di quest’anno sarà quello dell’Europa dell’Est: sia per l’altissimo livello del suo cinema (spesso trascurato dalla grande distribuzione), sia per la ricca tradizione culinaria dalle influenze balcaniche ed ebraiche. Nel corso delle tradizionali 3 serate (il 23 e il 30 giugno e il 7 luglio, tutti venerdì, alle 20.45), Polonia, Ucraina e Bulgaria saranno i Paesi “messi a fuoco”.

Il tema scelto quest’anno è un’occasione per conoscere e far venire alla luce tanti lavoratori e lavoratrici di questi paesi che vivono stabilmente in Italia (e magari si sono pure accasati/e) oppure prestano la loro professionalità nell’ombra. Sappiamo, ad esempio, quanto contano nelle nostre vite (e in quelle dei nostri anziani parenti) le badanti provenienti da quei Paesi così lontani, ma così vicini. Un’importanza ormai imprescindibile che, secondo noi, è giusto riconoscere e festeggiare insieme almeno per qualche sera.

Ci saranno film epocali come “Film bianco” del genio polacco Kieslowski e un’anteprima assoluta come il bulgaro “Living legends” non ancora uscito in Italia. Le tradizioni gastronomiche di Polonia, Ucraina e Bulgaria saranno interpretate, come al solito, dai diretti protagonisti con la supervisione dello chef Marco Perucco che aggiungerà il suo tocco di classe.

Non mancate di iscrivervi prenotando al 331-2072100. Per l’ingresso è obbligatoria la tessera di I CARE 2017.

Ingresso film + cena 15 euro

Il dottor Caligari e i terribili incubi dell’Europa pre-nazista

pubblicato in: Bacheca, Ultime da I care | 0

CALIGARI-locandina-A4

L’opera, considerata il simbolo del cinema espressionista tedesco, in scena al “S. Amanzio” con la colonna sonora suonata live da Luca Pedroni e i Niton, nella versione magnificamente restaurata dalla cineteca di Bologna (quella che più si avvicina alla versione originale voluta dal regista Robert Wiene nel 1919). Il film gioca moltissimo con il tema del doppio, della pazzia e della difficile distinzione tra allucinazione e realtà, aiutato da una scenografia distorta e antiprospettica, caratterizzata da forme zigzaganti, affidata a Hermann Warm che assieme a due amici pittori e scenografi espressionisti Walter Reimann e Walter Röhrig crearono fondali su tela dipinta, ispirati dai modelli pittorici di Kirchner.

Nel 1919 Robert Wiene aveva scelto come accompagnamento musicale del film il sestetto per archi Verklärte Nacht di Arnold Schönberg.

Il gabinetto del dottor Caligari fu il film simbolo dell’espressionismo. Quando venne girato, nel 1919, l’espressionismo era già un movimento artistico noto e conosciuto, per cui il film ne segnò l’apoteosi, aprendo una nuova strada anche nella cinematografia. Quello che scuote e turba lo spettatore è la caratterizzazione delle inquadrature, girate in scenografie con spigoli appuntiti, ombre minacciose, strade serpentine che diventano vicoli ciechi. I personaggi recitano col volto pesantemente truccato, in particolare il sonnambulo, che ha gli occhi cerchiati di nero. Il mondo distorto è frutto della mente malata dei protagonisti. Il film è girato tramite lunghe inquadrature fisse, con poco montaggio, che crea una sorta di bidimensionalità, oltre all’impressione asfissiante che l’inquadratura sia chiusa su sé stessa, come se fosse un mondo a parte, al di fuori della quale non esiste niente.

Sul finale è stato braccio di ferro con il produttore Eric Pommer: in realtà per gli sceneggiatori Carl Mayer e Hans Janowitz (antrambi reduci dal fronte della prima guerra mondiale) il vero folle era il dottor Caligari, simbolo del potere istituzionale deviato che spersonalizza e annienta la volontà dell’uomo comune rendendolo un assassino. In questa paura nata dall’ombra della guerra, il peso della sconfitta e la preveggenza dell’avvento del nazismo, Siegfried Kracauer, in un suo celebre saggio, ha teorizzato “l’origine di una corrente che porterà da Caligari a Hitler attraverso un corteo di mostri e tiranni”.

Esistono ovviamente anche le citazioni più strane e divertenti, come ne Il secondo tragico Fantozzi di Luciano Salce, in cui il ragioner Ugo ottiene il posto di lavoro proprio per aver elogiato la pellicola, e nel videoclip del brano Heroine dei Suede, in cui vengono ripresi spezzoni del film. Nel 2005 ne è stato fatto un remake dal regista David Lee Fisher.

Un bando internazionale, lanciato nell’aprile 2012 dalla Murnau Stiftung, è stato vinto dal laboratorio L’Immagine Ritrovata della Cineteca di Bologna, che ha presentato la nuova versione restaurata del film (durata 75′) al 64° Festival di Berlino del 2014. Il film restaurato è stato distribuito nelle sale italiane nel febbraio 2016. La partitura musicale è stata affidata di a Timothy Brock. Questa è la versione che sarà proiettata al “S. Amanzio”.

1 2