Venerdì 8 febbraio a Varese col Sermig per la Pace

pubblicato in: Bacheca | 0

Venerdì 8 febbraio 2019, alle ore 20.45 presso l’auditorium San Giovanni Bosco della parrocchia Sant’Ambrogio – via Lazzaro Papi 6 – Varese , ci sarà la presentazione del prossimo appuntamento dei Giovani della Pace che si terrà a Bergamo l’11 maggio, dal titolo “Basta guerre. Facciamo la pace!”

 

Questo è il messaggio che Ernesto Olivero, fondatore del Sermig, ha inviato ai costruttori di Pace:

Cari amici,
poco dopo l’Appuntamento dei Giovani della Pace di Padova nel maggio 2017, un gruppo di giovani di Bonate (Bergamo),  che da tempo ci segue, ci ha convinti ad indire con un anno di anticipo un nuovo incontro.  Abbiamo seguito il loro cuore e l’11 maggio 2019 a Bergamo vivremo insieme il 6° Appuntamento dei Giovani della Pace.
Giovani che convocano altri giovani, giovani e adulti insieme per ritrovare la strada comune della pace, per ridare soprattutto fiducia ai giovani e ripartire da loro. Perché i giovani siano il futuro, bisogna aiutarli a riprendersi il presente perché il mondo degli adulti ha fallito.
Questa convocazione straordinaria dei Giovani della Pace nasce dalla preoccupazione per una violenza crescente in ogni parte del mondo. Sono state intaccate le relazioni tra singole persone, corpi sociali, istituzioni, equilibri internazionali. Ovunque sembra più forte la voglia di dominare, di prevaricare. Dittature, terrorismo e guerre sembrano sempre più minacciose, quasi inevitabili.

In tutto questo, tutti noi, giovani e adulti, siamo sempre più assuefatti, sempre più anestetizzati dalle dipendenze, sempre meno informati, sempre meno consapevoli di cosa sta avvenendo attorno a noi. Viviamo in un’epoca difficile, complicata, per certi aspetti senza speranza. Ma è il nostro tempo! Il tempo del coraggio da vivere e comunicare, da scegliere e da spendere. Il tempo di uomini e donne pronti a diventare protagonisti di una nuova storia che metta insieme libertà e verità, giustizia e pace. Solo donne e uomini coraggiosi possono trarre da un problema l’opportunità di un nuovo inizio. Solo donne e uomini coraggiosi possono dimostrare che è possibile accogliere. Solo questo coraggio fa credere ancora nella pace che oggi sento lontana.

E’ dunque il tempo di batterci perché ci sia pace!

La pace sarà vicina quando chi fugge dal proprio Paese non troverà ostilità.
Sarà vicina quando vecchi, bambini, persone fragili, malati
non saranno più visti come un problema.
Sarà vicina quando tutti avranno diritto una volta per tutte a cibo, casa, lavoro, cure, dignità.
Sarà vicina quando ogni giovane dirà sì a una vita pulita senza droga e dipendenze.
Sarà vicina quando ogni cittadino farà della propria onestà
la chiave per costruire il bene comune.
Sarà vicina quando i politici di ogni schieramento e i credenti di tutte le religioni
faranno di tutto per viverla.
Sarà vicina quando l’Europa si libererà dai nuovi egoismi e dalle nuove divisioni
e risceglierà il sogno di essere casa comune di pace, di valori e responsabilità.
Solo donne e uomini coraggiosi possono essere custodi di questa casa comune.


Ci ritroveremo tutti a Bergamo per dire forte basta guerra! Perché ci crediamo, perché ci vogliamo impegnare in prima persona, perché vogliamo diffondere una mentalità che contrasti la cattiveria e l’odio del tempo che viviamo!  Un mondo nuovo è possibile!
Io ci credo ancora. E mi batto perché sia pace. Crediamoci insieme e diamoci appuntamento a Bergamo, l’11 maggio,  per ripetercelo!

Vi voglio bene e vi aspetto.

Ernesto Olivero e la Fraternità del Sermig

 

Sul sito www.giovanipace.org potete trovare i dettagli dell’iniziativa. Potete scaricare la lettera di invito di Ernesto che trovate anche qui sotto e la locandina.

Aiutateci a diffondere la notizia

 

Lascia una risposta