Tutti uniti contro i fascismi (di ieri e) di oggi

pubblicato in: News dal mondo | 0
ANSA

Dopo l’irruzione del Veneto Fronte Skinheads durante una riunione del comitato “Como senza frontiere” e i successivi raid alle redazioni di “Repubblica” e “L’Espresso”, sabato scorso 9 dicembre, si è svolta a Como una grande manifestazione contro tutti i fascismi e per i diritti dal titolo #e questo è il fiore che ha radunato insieme migliaia di persone, tra cui moltissimi giovani.

 

(Duilio Piaggesi)
(Duilio Piaggesi)

“Contro i rigurgiti fascisti e chi inneggia all’intolleranza la miglior risposta è la partecipazione, la solidarietà, l’impegno per i valori della Costituzione. Sono idealmente insieme a tutte le persone che hanno scelto di essere a Como oggi.#equestoèilfiore”. Così il Presidente del Senato, Pietro Grasso, su twitter.

 

ANSA/FLAVIO LO SCALZO

(Duilio Piaggesi)

Una manifestazione bellissima, e necessaria, per tutti gli italiani. Perché sono tanti i valori che ci uniscono, ma quello più profondo è l’antifascismo. Sono stati letti alcuni brani di Calamandrei, Pertini, Fenoglio e Berlinguer.

Un cartello recita “Restiamo umani, restiamo antifascisti”, con fermezza senza urlare. Perché, come sottolinea un caro amico, “l’opposto del fascismo non è il comunismo, ma la democrazia!”

(Foto Andrea Butti-LaPresse)

Francesco, 14 anni studente al linguistico: “Bisogna scendere in piazza in tanti, più che si può. Sennò i fascisti capiscono che siamo in pochi e deboli, si ringalluzziscono, e pensano di poter fare quello che vogliono”. Pietro studia giurisprudenza a Milano: “Lo ius soli è un punto fondamentale di oggi. Vedere bambini nati qui che non vengono riconosciuti come italiani. E noi che non facciamo niente”.

 

ANSA/FLAVIO LO SCALZO
(Duilio Piaggesi)

Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati, dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità: andate lì, oh giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione». (Piero Calamandrei, discorso agli studenti milanesi il 26 gennaio 1955)

https://youtu.be/4yM0KHv5d9o

Lascia una risposta